Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analisi dei profili organizzativi del business system cinese

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

14 Protection Administration (SEPA) il 70 % dell’acqua dei sette principali bacini idrici cinesi non può essere utilizzata dalla popolazione. Il grande utilizzo di carbone sia per usi industriali (il 70 % dell’energia elettrica è prodotta grazie a questa materia prima), che civili (per il riscaldamento delle abitazioni) ha reso la Cina il paese con la più elevata emissione di anidride solforosa del mondo e circa un quarto del territorio è interessato dal fenomeno delle piogge acide, con conseguenze negative sull’agricoltura e sulle risorse idriche. La crescita economica che ha interessato il paese ha continuamente aggravato la situazione: nel 2002 secondo i test effettuati dalla SEPA oltre due terzi delle trecento città più grandi non erano in linea con gli standard sulla qualità dell’aria determinati dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. La World Bank ha stimato che ogni anno i danni ambientali ammontino a circa l’8 – 12 % del PIL cinese. Il governo centrale è conscio del problema, ma la strada da percorrere per affrontare tali problematiche è molto lunga. Nel corso degli ultimi anni Pechino ha ratificato alcune importanti convenzioni internazionali in materia ambientale: come ad esempio la Convenzione di Basilea sui rifiuti pericolosi, nel 1989; la Convenzione sui cambiamenti climatici di Rio, nel 1992; la Convenzione sulla desertificazione, nel 1994. Il 30 agosto 2002 la RPC ha ratificato il Protocollo di Kioto, ma questa decisione non deve essere letta in chiave troppo ottimistica: essendo considerato paese in via di sviluppo la RPC non è sottoposta a nessun vincolo, come invece accade per i paesi industrializzati. Solo dopo decenni di assoluta indifferenza a questi problemi la classe politica di Pechino sembra interessarsi ai problemi ambientali, ma l’istituzione che dovrebbe guidare le politiche ambientali e controllarne l’effettiva applicazione, la SEPA, non ha ancora né i fondi né gli uomini per intervenire attivamente sul territorio e si scontra ogni giorno con la classe politica delle province che pur di mantenere elevato il tasso di crescita

Anteprima della Tesi di Simone Roldo

Anteprima della tesi: Analisi dei profili organizzativi del business system cinese, Pagina 9

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Simone Roldo Contatta »

Composta da 150 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1838 click dal 20/01/2006.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.