Skip to content

Studio dei marcatori ambientali e tissutali utili per la determinazione del PMI (postmortem interval)

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
10 due lavori, svolti in due ambienti diversi: i resti esposti all’attività d’insetti si sono decomposti più lentamente in ambiente arido, probabilmente perché la disidratazione di ambienti secchi inibisce l’attività di artropodi I resti in ambiente chiuso (acqua o terra) hanno mostrato un prolungamento nella prima decomposizione, ma una rapida progressione alla scheletrizzazione. Nel ’95 Spennemann e Franke hanno aggiunto i loro dati, riguardanti lo stato di preservazione di corpi rinvenuti in un atollo. [39] Tre sono le variabili generalmente identificate come influenti sulla decomposizione in ambiente tropicale: le alte temperature, l’umidità e la piovosità. L’atollo, tuttavia ha caratteristiche differenti da un’area tropicale. Un’isola è caratterizzata da suolo sabbioso, poco fertile; le piogge sono limitate e la vegetazione è meno rigogliosa. Anche gli artropodi sono in numero minore. In tali condizioni, i due autori, hanno effettuato delle esumazioni di cimiteriali che hanno fornito dati nuovi riguardanti sia la decomposizione dei resti, sia la distruzione dei materiali associati. 5 corpi su 6 sono stati trovati in casse permeabili; quello nella cassa impermeabile mostrava adipocera. I PMI erano noti e andavano da un minimo di 40 ad un massimo di 80 mesi. L’esposizione diretta e l’inumazione, naturalmente, non sono gli unici due ambiti nei quali si possono sperimentare i tempi di decomposizione di resti umani e animali. L’ambiente acquatico, per quanto poco trattato, altera le analisi, introducendo nuove e sconosciute variabili. J. B. Davis e M. L. Goff hanno cercato di confrontare i due ambienti, sia per quanto riguarda la decomposizione, sia per l’entomologia. L’esperimento è stato fatto su modello animale (Sus scrofa).[12] Lo studio dimostra chiaramente la differenza tra decomposizione in acqua e in terra. La decomposizione e gli organismi ritrovati sulla carcassa, variano a seconda dell’ambiente, delle temperature, dell’esposizione all’acqua. La successione d’insetti è molto diversa e più numerosa in ambiente terrestre. L’ambiente interditale è paragonabile a quello marino , per i fattori che influenzano la decomposizione: temperatura, salinità, profondità, correnti natura del substrato. Tuttavia i primi responsabili della decomposizione di resti, non sono i pesci i molluschi e altri piccoli vertebrati, ma i Ditteri, batteri e altre cause fisiche. Naturalmente, se la zona interditale è altamente esposta al moto ondoso o alle correnti, i Ditteri influiranno poco sulla decomposizione. La decomposizione in acqua è caratterizzata da un’iniziale perdita di biomassa, le onde e le correnti garantiscono la completa disposizione della carcassa e la loro azione maggiore o minore si riflette in una più veloce o lenta disarticolazione e decomposizione. Vediamo più nel dettaglio questo ambiente. B) Acqua: Quando un corpo è ritrovato in ambiente acquatico, la sequenza d’eventi riguardanti la decomposizione subisce un cambiamento significativo per gli scienziati forensi che tentano di determinare il PMI. Oltre ai fattori fin qui accennati, che condizionano la velocità di decomposizione, in acqua si assiste alla formazione di adipocera (saponificazione), che complica le analisi. L’ adipocera è un sapone insolubile, di aspetto lardaceo e untuoso e di odore sgradevole, prodotto dalla combinazione dei grassi neutri dei tessuti con sali di calcio e di magnesio presenti nell'acqua o nel terriccio umido in cui si trova il cadavere. E' indispensabile l'assenza di aria. Il processo inizia dal tessuto sottocutaneo, quindi si diffonde al tessuto adiposo periviscerale.
Anteprima della tesi: Studio dei marcatori ambientali e tissutali utili per la determinazione del PMI (postmortem interval), Pagina 10

Preview dalla tesi:

Studio dei marcatori ambientali e tissutali utili per la determinazione del PMI (postmortem interval)

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Laura serena francesca Belli
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2002-03
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali
  Corso: Scienze Naturali
  Relatore: Cristina Cattaneo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 146

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

datazione ossa
decomposizione
luoghi d'occultamento
microscopia ottica
post mortem interval
profilo biologico
scienze forensi
time since death

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi