Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il ruolo delle assicurazioni contro i rischi di calamità naturali

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 l’aumento della temperatura; riduzione generale dei raccolti di media latitudine per l’aumento della temperatura dell’acqua; riduzione delle disponibilità idriche in molte regioni, specialmente nella zona dei tropici; crescita del numero di persone esposte a malattie come la malaria o il colera e aumento della mortalità per sollecitazione termica; aumento diffuso del rischio di essere sommersi da parte di molti stabilimenti umani e infine una maggiore richiesta di energia di raffreddamento dello spazio dovuto alle più alte temperature estive. La conclusione allarmante è che come conseguenza del cambiamento climatico e dell’aumento della concentrazione della popolazione nel mondo e nelle aree vulnerabili, negli anni futuri i disastri naturali saranno sempre più frequenti, intensi e soprattutto costosi. E’ stato accertato che il disastro accade più spesso ed ha un effetto proporzionalmente più grande sui paesi poveri che sui paesi ricchi. 3 L’aumento repentino delle temperature del globo fanno supporre che i disastri naturali aumenteranno di intensità e questo sarà causa di una disgregazione economica e un impedimento al sostenimento della crescita negli anni a venire, che inciderà su tutti i paesi e in particolare su quelli cosiddetti vulnerabili, ovvero Asia ed America del Sud che hanno un basso livello di reddito ed un’economia emergente. La povertà e le pressioni causate dal sovraffollamento di popolazioni incrementano le conseguenze dei pericoli naturali giacché sempre più gente si trova costretta a vivere in condizioni di vulnerabilità: pianure soggette ad inondazioni periodiche, zone a forte rischio tellurico, pendii pericolanti. Non è un caso che più del 90 percento di tutte le vittime di catastrofi naturali nel mondo vivano in paesi in via di sviluppo dove la carenza di fornitura di acqua e di progetti di irrigazione, di energia, carenza di infrastrutture dei trasporti sono solo alcuni esempi di vulnerabilità ai disastri e con conseguente aumento della povertà nel momento in cui la catastrofe si verifica. Piccoli stati in via di sviluppo, “Small Island Development State” (SIDS) sono particolarmente a rischio, uno studio recente delle 3 World Bank, 2001.

Anteprima della Tesi di Daniela Pasini

Anteprima della tesi: Il ruolo delle assicurazioni contro i rischi di calamità naturali, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Daniela Pasini Contatta »

Composta da 180 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6537 click dal 16/02/2006.

 

Consultata integralmente 16 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.