Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il sistema mezzadrile marchigiano tra Ottocento e Novecento

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo 1. Origini e linee di sviluppo del sistema mezzadrile 14 curtense, decretandone la morte, ma anche della scomparsa di uomini completamente liberi su terra di proprietà altrui. 9 Il mezzadro e la sua famiglia con lui obbligata, dovevano infatti risiedere stabilmente sul fondo coltivato, e la stessa struttura familiare era condizionata dall’imperativo della massima efficienza nel rapporto braccia-bocche-ettari. A queste non piccole imposizioni si aggiungeranno nei secoli degli obblighi nei confronti del padrone dal sapore semi feudale che snatureranno l’originale natura del mezzadro come colono socio del concedente, relegandolo sempre più in una posizione subalterna. Va però evidenziato che la posizione del mezzadro all’origine del patto era una posizione migliore di quella del colono parziario. Questi infatti viveva in una situazione precaria legata alla condizione “pionieristica” in cui si trovava, mentre il contratto mezzadrile nelle sue forme iniziali difendeva il contadino da ogni forma di vessazione, soprattutto, come dirò più avanti, nell’ambito della riconquista quattrocentesca in cui a seguito delle pandemie del trecento, il “capitale” uomo era diventato scarso. Arrivati quindi nel basso medioevo avanzato, le città, dopo secoli di depressione demografica e nel generale “inselvatichimento”, testimoniato tra l’altro da toponimi alto medievali diffusi, quali ad esempio Lupaiolo, Oraiolo, Faggiola, Fontabeti, Fontavellana, Farneto, ecc…, riescono “ad avvicinarsi tra loro, eliminando la ‘foresta’ che le separava e rendeva ‘forestiere’ l’una all’altra.” 10 E’ opportuno, prima di continuare in questa esposizione, soffermarsi sull’uso che sto facendo di questa parola: città. Essa, come detto, è sicuramente il motore del vasto fenomeno di portata europea, di ripopolamento, riconquista e messa a coltura delle campagne dopo il profondo abbandono seguito al collasso dell’impero romano. Per quanto 9 L. A. KOTEL’NIKOVA, Mondo contadino e città nell’Italia dall’XI al XIV secolo. Dalle fonti dell’Italia centrale e settentrionale in S. ANSELMI Una storia dell’agricoltura… op. cit. p. 30 10 S. ANSELMI, Mezzadria e reticolo urbano nell’Italia centrale in S. ANSELMI Agricoltura e… op. cit. p. 332

Anteprima della Tesi di Carlo Maffeo

Anteprima della tesi: Il sistema mezzadrile marchigiano tra Ottocento e Novecento, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Carlo Maffeo Contatta »

Composta da 172 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3174 click dal 10/03/2006.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.