Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Corporate Governance: The Audit Committee

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

4 un’organizzazione valuta questa in relazione alla soddisfazione che l’impiego gli garantisce e in base alla propria realizzazione personale. E’ possibile dunque che le diverse aspettative dei diversi soggetti non convergano o siano addirittura in conflitto. Tali conflitti possono generare conseguenze negative nel momento in cui si ha una produzione di un’informativa di bilancio non corretta. Il Testo Unico sull’intermediazione finanziaria (TUIF), la riforma del diritto societario e i conseguenti regolamenti della Consob (Commissione Nazionale per le Società e la Borsa, l’organo preposto alla vigilanza sul funzionamento dei mercati e sui comportamenti degli intermediari finanziari) e della Banca d’Italia hanno posto le basi per la definizione, anche nel nostro Paese, di un modello di governo societario allineato con quello dei Paesi finanziariamente più evoluti. Il Codice di Autodisciplina rappresenta un ulteriore passo verso tali modelli di organizzazione societaria. Ormai il dibattito in questione è vivo da parecchi anni. L’esigenza più manifesta è quella della presenza nelle società di particolari organi indipendenti come l’Audit Committee o Comitato per il controllo interno, volendosi riferire in particolare al contesto italiano. La costituzione di tale organo è auspicata dai Codici di Autodisciplina sviluppatisi a livello internazionale a partire dagli anni Novanta nei vari Paesi. Obiettivo di tali Codici è infatti creare un modello di Corporate Governance allineato alle migliori prassi internazionali, opportunamente adattato per tener conto delle specificità di ogni realtà nazionale. Si iniziò a parlare di tali comitati fin dagli anni Quaranta negli Stati Uniti. La Sec (Securities and Exchange Commission, l’equivalente della Consob italiana) in quegli anni raccomandò la costituzione di comitati aventi finalità di controllo amministrativo-contabile. Nel 1978 la costituzione di un Audit Committee diventò una condizione necessaria per essere ammessi alla quotazione presso la Nyse. Dal 1980 in poi, sempre negli Stati Uniti, si ebbe una estensione degli obiettivi assegnati agli Audit Committees, con

Anteprima della Tesi di Mauro Mura

Anteprima della tesi: Corporate Governance: The Audit Committee, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Mauro Mura Contatta »

Composta da 41 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4216 click dal 30/03/2006.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.