Skip to content

La politica dell'alta velocità in Toscana. Una ricerca sul policy making nelle politiche dei trasporti

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
guida (tra cui l integrazione della rete europea) espressi dalla Camera dei Deputati con l ordine del giorno dell 8 novembre 1989 e recepiti nel PRRS (cfr. nota 8). 7. Dal 1986, le ferrovie italiane non sono piø un azienda dello Stato, la legge di riforma n.210/85 le ha trasformate in un Ente pubblico. Ma gi qualche anno dopo per l Ente si Ł sentita la necessit di un ulteriore riforma. Ricordiamone un passaggio significativo. Mentre era all esame della IX Commissione della Camera, in sede referente, il progetto di legge di riforma dell ordinamento dell Ente ferrovie dello Stato (AC 5224-X Legislatura), gi approvato dal Senato, viene emanato il DL 24 Gennaio 1991, n.25, inteso ad emendare il contenuto della lettera h) dell articolo 2 della Legge istitutiva dell Ente Fs. La modifica prevista dal decreto, convertito con modificazioni dalla legge 25 Marzo 1991, n.98, avrebbe consentito all Ente di effettuare partecipazioni in enti e societ aventi per oggetto sociale la progettazione esecutiva e la costruzione di linee ad Alta Velocit . 8. Il Piano di ristrutturazione, risanamento e sviluppo (PRRS), predisposto dall Ente Fs in data 22 Settembre 1989, viene approvato, aggiornato, dall Ente con delibera 310/AS del 15 Novembre 1989 e trasmesso alle Camere. Il PRRS viene definitivamente approvato con decreto interministeriale (del Ministro dei Trasporti di concerto con quello del Tesoro) n. 48T del 30 Aprile 1990. Il Piano che si articola in un programma decennale ed in un programma triennale di nuovi investimenti e rinnovi, prevede spese per il decennio anche nel settore relativo all integrazione compiuta tra la rete ferroviaria italiana e quella europea, avendo particolare riguardo all Alta Velocit e ai valichi . 9. Quasi contemporaneamente all emanazione del DL n.25/1991 (cfr. nota 7), il Ministero dei Trasporti pro-tempore Carlo Bernini e l allora Amministratore straordinario dell Ente Fs, Lorenzo Necci siglavano, in data 23 Gennaio 1991, il Contratto di programma 1991-1992 nel quale venivano fissati i reciproci impegni dell Ente e del Ministero con l obiettivo dichiarato di riequilibrare il sistema dei trasporti in Italia, attraverso lo sviluppo della rete Fs. A tal fine si riconosceva la necessit di perseguire il risanamento e lo sviluppo dell Ente, riducendo al contempo l intervento assistenziale dello Stato. Il contratto di programma indicava gli obiettivi strategici per il raggiungimento dei quali l Ente avrebbe effettuato investimenti. Si riconosceva in particolare significato strategico alla realizzazione di una rete di collegamenti ad Alta Velocit su nuove linee tra cui si poneva, in via prioritaria, la Milano-Napoli e la Torino-Venezia. Il mutato assetto giuridico-organizzativo delle Ferrovie determina una nuova configurazione dei rapporti con lo Stato. In particolare viene previsto un nuovo regime di concessione per le attivit delle Fs Spa e la stipula di un (nuovo) contratto di programma e di un contratto di servizio pubblico. In data 29 Dicembre 1992 viene siglato, dall Amministratore delegato delle Ferrovie dello Stato Spa e dal Ministro dei trasporti, il nuovo contratto di programma. Le parti contraenti si sono impegnate a reperire le risorse necessarie in relazione alla quota di rispettiva competenza per assicurare la copertura finanziaria degli oneri relativi al Sistema Italiano Alta Velocit . In particolare vi Ł l impegno sia dalla parte pubblica a promuovere ogni attivit a riguardo, che delle Fs Spa, attraverso la partecipata TAV, a reperire le risorse per la quota di finanziamento privato. Il Ministro dei trasporti e le Fs Spa confermano altres i rispettivi impegni per la realizzazione del Sistema Alta Velocit ed in particolare le modalit di contribuzione alla copertura di oneri finanziari gi previste dal precedente contratto di programma (40% a carico dello Stato e 60% a carico dei privati). 10. Dopo la conversione del DL n. 25/1991 (cfr. nota 7) viene costituita la societ TAV (Treno ad Alta 52
Anteprima della tesi: La politica dell'alta velocità in Toscana. Una ricerca sul policy making nelle politiche dei trasporti, Pagina 16

Preview dalla tesi:

La politica dell'alta velocità in Toscana. Una ricerca sul policy making nelle politiche dei trasporti

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Matteo Calamassi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1994-95
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Politiche
  Relatore: Donatella Della Porta
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 302

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

alta velocità
approccio policy oriented
case study
decision making
faentina
ferrovie dello stato
governo locale
mugello
nodo ferroviario
partisan mutual adjustment
policy making
politiche pubbliche
politiche trasporti
problem solving
sistema d'azione
sistema di attori
sistema politico
supertreni
toscana
trasporti

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi