Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Rilevanza economica del settore culturale: strutture e forme di finanziamento

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

17 esternalità positive 2 . “Le rappresentazioni teatrali”, scrive Adam Smith ne La Ricchezza delle Nazioni, “riescono a dissipare nella maggior parte della gente la disposizione della malinconia”. Smith e Ricardo mettono inoltre l’accento sul livello di remunerazione in campo culturale: poiché la formazione nelle arti che richiedono grande abilità è molto lunga e dispendiosa, gli artisti dovrebbero essere pagati molto di più. Un secolo dopo, Alfred Marshall 3 nota un’interessante peculiarità dell’economia della cultura. “Mentre nel consumo dei beni industriali, oltre un certo livello, la soddisfazione degli individui tende a decrescere, nella fruizione della musica vale il principio inverso: più la si ascolta, più la si apprezza”. Per la musica e, più in generale, per i beni e servizi culturali, vale dunque il principio dell’utilità marginale crescente. Durante gli anni ‘20 e ‘30 l’economista John Maynard Keynes caldeggia l’intervento pubblico a sostegno dell’arte. Keynes, appassionato collezionista e finanziatore di spettacoli dal vivo, attira l’attenzione sulla condizione “disastrosa” in cui sono costretti a vivere gli artisti nel XX° secolo. Secondo Keynes, “l’arte rappresenta uno dei principi civilizzanti della società e in quanto tale, deve essere sostenuta e incoraggiata dallo Stato”. Dietro l’insistenza di Keynes, il ministro delle finanze inglese partecipa ad alcune aste private acquistando prestigiose collezioni d’arte. In seguito, viene creata l’Arts Council, un’istituzione pubblica di assistenza finanziaria agli artisti, con l’obbiettivo di sviluppare una maggiore conoscenza, comprensione, accessibilità all’arte, di cui Keynes è il primo Presidente. Egli dichiara con orgoglio che “finalmente il settore pubblico ha 2 Si hanno esternalità quando l’attività di produzione o consumo di un soggetto influenza, negativamente o positivamente, il benessere di un altro soggetto, senza che questo riceva una compensazione da chi provoca la diseconomia, o paghi un indennizzo a chi arreca il beneficio 3 L’economia della cultura, Euromeridiana secondo quadrimestre 2004.

Anteprima della Tesi di Maurizio Barbetti

Anteprima della tesi: Rilevanza economica del settore culturale: strutture e forme di finanziamento, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Maurizio Barbetti Contatta »

Composta da 180 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3758 click dal 02/05/2006.

 

Consultata integralmente 18 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.