Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Israele e l'acqua: dall'imperativo ideologico alla necessità vitale. Fatti e prospettive dello Stato di Israele moderno.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Premessa I PREMESSA L’acqua copre il 70% della superficie del pianeta ma il 97% del suo volume ha un contenuto salino troppo elevato per usi e consumi a scopi industriali, agricoli ed alimentari. L’acqua dolce, il 3% dell’acqua totale, è per il 70% immagazzinata nelle calotte glaciali dei Poli, nei ghiacciai e nelle acque sotterranee, mentre le acque superficiali dei corsi d’acqua e dei bacini rappresentano meno dell’ 1% (precisamente lo 0,01%) del totale. A causa della disomogenea distribuzione delle risorse idriche, che di per sé sarebbero sufficienti a soddisfare il fabbisogno del pianeta, molte aree sono soggette a rilevante deficit idrico le cui cause vanno innanzitutto ricondotte a situazioni climatiche ed ambientali spesso aggravate da fattori di concentrazione demografica 1 . Una situazione di penuria idrica ha la possibilita’ di essere alleviata grazie alle infrastrutture, alla programmazione degli usi e a tecniche di risparmio. Il complesso del sistema amministrativo dell’acqua, delle pratiche tecniche (di adduzione, distribuzione e trattamento) e della pianificazione di uso delle risorse idriche si chiama “gestione idrica”. Questa puo’ essere più o meno efficiente e la differenza, a parità di condizioni, sta proprio nella capacita’ gestionale di ciascun sistema amministrativo, riconducendo ad esso anche: le scelte di sviluppo di un area geografica e la scelta di criteri pianificatori che privilegiano lo sviluppo socio-economico in un ottica di salvaguardia ambientale. Ambiente inteso come risorsa dinamica in cui si sviluppano le attivita’ umane e che pertanto va garantita nelle sue potenzialita’ di 1 Accade che le zone idrologicamente piu’ povere coincidono molto spesso con quelle a maggiore urbanizzazione (vedasi la zona costiera del Nord Africa e dell’Asia Centrale).

Anteprima della Tesi di Marco Stoppa

Anteprima della tesi: Israele e l'acqua: dall'imperativo ideologico alla necessità vitale. Fatti e prospettive dello Stato di Israele moderno., Pagina 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Marco Stoppa Contatta »

Composta da 249 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1626 click dal 09/05/2006.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.