Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'accesso delle imprese multinazionali ad un nuovo mercato. Il caso degli investimenti diretti esteri in Vietnam

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

C A P I T O L O 1 : L A G L O B A L I Z Z A Z I O N E 17 Sebbene la realt sia piø complessa di quanto affermato dalla Banca Mondiale, la sostanza Ł inoppugnabile: la globalizzazione non Ł un fenomeno inarrestabile. 3. La seconda ondata di globalizzazione (1945-1980) Caratteristica principale: la maggiore integrazione fra paesi ricchi. Dopo la II guerra mondiale, con la costituzione delle Nazioni Unite e degli altri organismi internazionali, l Europa, l America del Nord ed il Giappone si impegnarono a ripristinare relazioni commerciali reciproche mediante una serie di liberalizzazioni commerciali multilaterali nell ambito del Gatt (General Agreement on Tariffs and Trade). Tuttavia la liberalizzazione risult incompleta, sia dal punto di vista della partecipazione dei paesi che dei prodotti e dell asimmetria: nei PVS contribu a ripristinare il modello di commercio Nord-Sud - lo scambio di prodotti in cambio di beni primari - ma non ripristin i flussi internazionali di capitale e lavoro. Modello di commercio: il commercio fra i paesi sviluppati fu determinato non dai vantaggi comparati dovuti dalla diversit di dotazioni produttive, ma dai risparmi nei costi derivanti dalle economie di scala e di agglomerazione: le imprese tendono a concentrarsi parzialmente. Le economie di agglomerazione per costituiscono un fattore negativo per coloro che ne restano fuori. La maggioranza dei PVS non ha preso parte all aumento degli scambi di beni industriali e servizi. La persistenza di barriere nei loro confronti da parte dei paesi sviluppati unita all ambiente poco favorevole agli investimenti e alle politiche protezionistiche nei PVS costrinse questi ultimi a dipendere dallo scambio di beni primari: nel 1980 solo il 25% delle esportazioni di merci dei PVS era costituito da prodotti finiti. Crescita e disuguaglianza: nel Nord del mondo, nei paesi OCSE, c era una forte spinta alla convergenza di lungo periodo. Nei paesi OCSE non solo si Ł ridotto il divario fra i paesi - probabilmente proprio grazie alla globalizzazione - ma anche la disuguaglianza all interno degli stessi paesi, probabilmente grazie alle politiche sociali redistributive e ai consolidati sistemi di protezione sociale. In ambito OCSE, la maggiore crescita coincise con una maggiore equit e si fa riferimento a questo periodo come all et dell oro . Altrettanto non Ł stato per i PVS: anche se la crescita del reddito pro-capite aveva una ripresa dopo il ristagno nel periodo tra le due guerre, essa era considerevolmente piø lenta rispetto a quella dei paesi

Anteprima della Tesi di Thanh Hai Diem

Anteprima della tesi: L'accesso delle imprese multinazionali ad un nuovo mercato. Il caso degli investimenti diretti esteri in Vietnam, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Thanh Hai Diem Contatta »

Composta da 305 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4484 click dal 09/05/2006.

 

Consultata integralmente 16 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.