Skip to content

Analisi delle figure femminili nel cinema di Rainer Werner Fassbinder

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
14 critica radicale al modello capitalista degli anni Cinquanta, che a loro parere è la causa principale del disastro della cultura nell’epoca di Adenauer 13 . Questo atteggiamento, già delineatosi al tempo del collettivo dell’Antiteater, diviene ancora più esplicito nei cosiddetti gangster film, dove - attraverso l’immissione della soggettività nel materiale filmico - prende forma l’ipotesi di trasformazione radicale della vita a partire dalla libera espressione della creatività individuale come condizione di un ritorno alle origini della storia. I film di Fassbinder si inseriscono appieno in questa crisi radicale della società, secondo due direttrici: da una parte ci mostrano un passaggio epocale, cioè il disgregarsi dei modelli sociali in Europa secondo un capitale della macchina e del petrolio; dall’altra il sorgere di un benessere ampiamente diffuso fra larghe fasce della popolazione 14 . Tale cambiamento significa anche sviluppo di nuove soggettività e gli autori del Nuovo Cinema Tedesco - in primis Fassbinder - non hanno fatto altro che analizzare e portare alle estreme conseguenze il discorso che tali soggetti producono. Dai primi cortometraggi fino a Querelle, assistiamo alla messa in scena dei rapporti sociali che sono soprattutto rapporti d’amore e rapporti economici, tra necessità materiali e paure inconscie. Infatti le teorie e i concetti che definiscono in maniera univoca i rapporti di classe sembrano scomparire alla fine degli anni Settanta e i suoi film narrano proprio di tale riorganizzazione del sociale e dei nuovi meccanismi spesso perversi che si creano nelle relazioni fra gli uomini 15 . Dunque, trionfo della piccola e media borghesia tedesca dal dopoguerra agli anni Ottanta, progressiva finanziarizzazione della società, xenofobia e 13 «...penso che in Germania si stia tornando indietro...e questo dimostra anche che nel 1945, quando è finita la guerra e il Terzo Reich, non sono state sfruttate tutte le possibilità che la Germania aveva per trasformarsi radicalmente. L’ho anche scritto a suo tempo nella Zeit: che alla fin fine, le strutture e i valori su cui si basa lo Stato, l’odierna democrazia, sono rimasti fondamentalmente gli stessi di prima. A ciò si aggiunga che stiamo passando una fase di involuzione verso un tipo di Stato in cui non vorrei affatto vivere...» “Per un nuovo disordine creativo”, intervista a cura di Peter W. Jansen in Tutti i film di Fassbinder, a cura di Enrico Magrelli e Giovanni Spagnoletti, Ubulibri, 1989. 14 Paolo Vernaglione, op.cit., p. 99. 15 «Mentre l’intera realtà mutava rinchiudendosi, Fassbinder accumulava e produceva materia scottante e non gestibile e lo faceva lavorando sul rimosso, su ciò che nessuno voleva e vuole vedere e di cui non vuol sentir parlare. Il rimosso al lavoro potrebbe essere il processo con cui identificare questo cinema e questo lavoro si riferiva tanto alla condotta degli individui tra loro, quanto a quella della società ed a quella della storia generale. Paolo Vernaglione, op.cit., p 43.
Anteprima della tesi: Analisi delle figure femminili nel cinema di Rainer Werner Fassbinder, Pagina 9

Preview dalla tesi:

Analisi delle figure femminili nel cinema di Rainer Werner Fassbinder

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Elisabetta Maria Elena Buttiglione
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Parma
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Conservazione dei Beni Culturali
  Relatore: Roberto Campari
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 200

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

adenauer
alexander kluge
antiteater
cinema del dopoguerra
cinema donna
douglas sirk
edgar reitz
fassbinder
hanna schygulla
manifesto di oberhausen
marg
margarethe von trotta
melodramma
nuovo cinema tedesco
peter shamoni
wim wenders

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi