Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il pluralismo radiotelevisivo nella legge Gasparri

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

6 realizzazione possibile della libertà di <> di diffondere il proprio pensiero attraverso il mezzo radiotelevisivo. In questa prospettiva però, la riserva allo Stato dovrebbe interessare i soli impianti radiotelevisivi per consentire un accesso il più esteso possibile . L’interesse del Costituente nei confronti della problematica relativa al diritto all’informazione è certamente dimostrato dalla legge sulla stampa n. 47 del 1948 1 , caratterizzata da una forte attenzione verso i problemi della libertà di informazione e da un intenso dibattito sui problemi del controllo sulle imprese editoriali. Sebbene un lucido riferimento alla “libertà” e ad un “diritto ” all’informazione fosse presente nella “Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali” 2 , e fosse quindi il problema già avvertito nel dibattito giuridico del tempo, l‘ Assemblea costituente, che lavorò tra il 1946 e il 1947, non la menzionò espressamente. E’ così che nell’art. 21 della nostra Costituzione si può trovare più di un riferimento alla stampa e nessun riferimento formale alla televisione o quantomeno alla radio che già da molti anni aveva sul territorio una diffusione capillare. 1 Una delle rare leggi approvate direttamente dalla costituente. Anche se furono approvate soltanto le disposizioni più urgenti al fine di dare attuazione ai nuovi principi costituzionali che si andavano delineando nello stesso periodo. 2 Firmata a Roma il 4 novembre 1950, nella quale vi si afferma che ogni persona ha il diritto alla libertà di espressione e che tale dritto comprende la libertà di opinione e quella di<< ricevere o di comunicare informazioni o idee senza che vi possa essere interferenza di pubbliche autorità e senza riguardo alla nazionalità.

Anteprima della Tesi di Luciano Nigro

Anteprima della tesi: Il pluralismo radiotelevisivo nella legge Gasparri, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Luciano Nigro Contatta »

Composta da 180 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2534 click dal 16/06/2006.

 

Consultata integralmente 15 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.