Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Lavoro interinale e percorsi familiari: il caso di Casale Monferrato

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

14 meno influenzata dai vincoli istituzionali, culturali o sociali. 13 Si consideri, ad esempio, il dilemma della fecondità: il calo della natalità è una conseguenza del fatto che le donne tendono sempre più a entrare nel mercato del lavoro e a prolungarne la permanenza in modo simile al comportamento lavorativo maschile, o è, invece, proprio la scelta procreativa a indurre la necessità di un secondo reddito? In modo apparentemente anomalo in Italia, come in altri paesi del Sud Europa, vi è un basso tasso di fecondità e, nel contempo, una scarsa presenza delle donne sposate con figli nel mercato del lavoro, in controtendenza rispetto ad altri Paesi europei (Svezia e Paesi del Nord, ma anche Francia e Gran Bretagna), dove il livello di natalità è più alto ed è tanto maggiore là dove il tasso di occupazione è più elevato. La letteratura ha documentato che l’occupazione femminile delle madri (con figli minori) è influenzata da alcuni fattori cruciali che comprendono le politiche rivolte alle famiglie (congedi parentali, servizi, sussidi per l’infanzia), l’organizzazione del lavoro e gli orari dei servizi, il trattamento della maternità, il sistema di tassazione. In tutti i paesi industrializzati i tassi di occupazione femminile sono cresciuti in modo significativo, ma i profili partecipativi sono differenziati tra Paesi e influenzati da un insieme di fattori, tra i quali le modifiche demografiche, la trasformazione della struttura familiare, e i cambiamenti della struttura economica (espansione del terziario). Molta letteratura economica e sociale che si è sviluppata sul tema del lavoro femminile ha analizzato in dettaglio le differenze di genere nei tassi di occupazione, disoccupazione, attività , nelle retribuzioni e nella qualità del lavoro, e l’eterogeneità delle posizioni femminili in relazione all’istruzione, l’età, il contesto territoriale, senza tuttavia arrivare all’elaborazione di modelli interpretativi di tipo generale. Quali sono, dunque, i paradigmi sociologici a cui far riferimento per interpretare un fenomeno così complesso? L’analisi della letteratura consente di individuare due principali approcci teorici : uno di tipo macro- strutturale e l’altro di tipo micro – individuale . Il primo considera il rapporto tra istituzioni, norme sociali e mercato del lavoro e rileva 13 R.Semenza, Le trasformazioni del lavoro,Ed.Carocci, Roma 2004, pag 77

Anteprima della Tesi di Ingrid Cappa

Anteprima della tesi: Lavoro interinale e percorsi familiari: il caso di Casale Monferrato, Pagina 14

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Ingrid Cappa Contatta »

Composta da 162 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 721 click dal 12/07/2006.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.