Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gli interessi culturali dell'educatore come risorsa educativa

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

20 Molte le attività che venivano organizzate al suo interno, seguendo l’interesse spontaneo che si manifestava nei bambini a contatto con un ambiente ricco di stimoli ed inviti; le attività svolte erano la pittura, la decorazione, costruzioni, giochi, canti, ecc. …. . Ogni bambino aveva la possibilità di scegliere le attività a cui iscriversi, e di riavvicinarsi in nuovi gruppi, con quelli che la ripartizione in classi aveva separato. Forse Milani voleva, in un certo senso, fare della sua scuola speciale un altro dei centri-pilota o modello in cui la pedagogia attiva veniva applicata e sperimentata. L’idea del bambino-soggetto, artefice e costruttore del proprio sviluppo, la sua tendenza naturale all’attività, l’importanza del gioco, seppe da subito tradursi in un linguaggio utile ed in indicazioni necessarie al peculiare mondo della riabilitazione. Così, tutta l’azione educativa deve essere il catalizzatore che permette alle tendenze naturali del bambino di svilupparsi attraverso lo studio dei suoi interessi e delle spinte psicologiche che lo muovono a “costruire” sé stesso. Un altro principio condiviso ed adottato da Milani, fu l’importanza del lavoro di gruppo, dove il bambino era al centro dell’attenzione degli operatori in ogni momento della vita quotidiana: quando giocava, quando svolgeva attività scolastiche, quando era impegnato nelle varie terapie e nei momenti del tempo libero, in quanto il bambino non è un mosaico di problemi, ma prima di tutto un individuo; non c’è che un atteggiamento educativo che tenga conto di questa verità fondamentale e cerchi di rispondere alle esigenze dell’individuo per 8 Per una descrizione accurata delle attività dei C.E.M.E.A. e degli altri gruppi di comunità scolastica italiani, vedi: Laporta R., La comunità scolastica, La Nuova Italia, Firenze, 1963 .

Anteprima della Tesi di Perla Girasole

Anteprima della tesi: Gli interessi culturali dell'educatore come risorsa educativa, Pagina 13

Diploma di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Perla Girasole Contatta »

Composta da 142 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5772 click dal 11/07/2006.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.