Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La comunicazione nel settore delle acque minerali

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

di acqua sono nostri compagni inseparabili. I consumi di acque imbottigliate hanno raggiunto oggi livelli che un tempo sarebbero risultati inimmaginabili: anche perché la reale necessità di acqua potabile sarebbe colmata, nella maggioranza dei casi, dalle forniture acquedottistiche. Quello delle acque minerali è un mercato in espansione che coinvolge numerose compagnie: già nel 1992 negli Stati Uniti erano presenti 700 marche e tale dato è ad oggi in crescita, negli U.S.A. come nel resto del mondo. L'idea che per bere acqua sicura si debba ricorrere alla minerale ha fatto breccia anche all'estero, facendo aumentare in modo vertiginoso il consumo di acqua imbottigliata in tutto il mondo, particolarmente nei Paesi in via di sviluppo, dove cresce del 7% ogni anno, con un picco del 15% nelle regioni dell'Asia che danno sull'Oceano Pacifico. La maggior parte delle compagnie di acque minerali si sta unendo in grandi gruppi o, più spesso, finisce sotto il controllo delle maggiori multinazionali, in particolare Nestlé o Danone. La Nestlé è la numero uno nel mercato mondiale di acque minerali : il settore “acque in bottiglia” rappresenta per la Nestlé circa il 25% del settore bibite ed il 7% del tournover totale del gruppo. La “world water division” della Nestlé, la Terrier- Vittel SA (quartier generale in Francia) possiede marche ben conosciute in 17 paesi, come Perrier, Contrex e Vittel (Francia), Arrowhead, Poland Spring, Calistoga (Stati Uniti), Buxton (Inghilterra), Fürst Bismarck Quelle, Rietenauer (Germania). Tra le marche che fanno capo alla Nestlè e che arrivano anche in Itala troviamo Claudia, Giara, Giulia, Lievissima, Limpia, Lora Recoaro, Panna, Pejo, Terrier, Pracastello, San Bernardo, San Pellegrino, Sandali, Tione, Ulmeta, Vera. La Danone controlla il 9% del mercato mondiale delle acque minerali, superando la Nestlé in alcune regione quali l’America Latina e l’area Pacifica dell’Asia. Le sue marche maggiori sono l’Evian, La Volvic (n°3 nel mondo con 937 milioni di litri venduti nel 1999) e Badoit. La marca di acqua minerale più venduta nel mondo è l’Evian, con 1441 milioni di litri venduti nel 1999 in 130 paesi. In Italia le marche controllate dalla Danone sono Acqua di Nepi, Boario, Evian, Ferrarelle, Fonte Viva, Natia, Santagata e Vitasnella. Nell’ultimo decennio, hanno fatto il proprio ingresso nel mercato delle acque minerali anche le multinazionali delle “soft dinks” ed in particolare Coca Cola e PepsiCo. La Coca-Cola ha lanciato nel mercato nel 1999 la BonAcquA: attualmente questa marca è al nono posto della classifica delle acque più vendute negli USA. Acquafina è la marca lanciata dalla PepsiCo nel 1995 negli USA e ha attualmente un tournover di 600 milioni di dollari. Una curiosità: sebbene il marchio Acquafina rappresenti delle belle e pure

Anteprima della Tesi di Federica Todoro

Anteprima della tesi: La comunicazione nel settore delle acque minerali, Pagina 7

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Federica Todoro Contatta »

Composta da 102 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1533 click dal 30/08/2006.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.