Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L’evoluzione della musica elettroacustica attraverso gli effetti sonori nei film: da “Tom and Jerry” a “X-Men”

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

I.3 “Effetti sonori” e “oggetti sonori” Abbiamo scritto all’inizio del vuoto teorico che accompagna i rumori creati per il cinema, e abbiamo chiamato questi rumori effetti sonori. La scarsa bibliografia sull’argomento è ingiustificata, almeno nei ri- guardi delle opere cinematografiche degli ultimi anni, in cui gli effetti sonori hanno assunto un ruolo sempre più preponderante, un’autono- mia e un protagonismo che li rende ben riconoscibili e ormai indispen- sabili in un film che voglia definirsi coinvolgente. Abbiamo poi visto che questi effetti sonori non sono altro che il pro- dotto degli sforzi dell’arte-artigianato musicale del Novecento e con- tribuiscono a elevare il numero dei suoni a disposizione dei musicisti e degli ascoltatori a quello delle singole personalità creative che con questi suoni si cimentano. Assistiamo nel Novecento a un allarga- mento semantico del concetto di suono che non è più riducibile all’insieme dei suoni prodotti dagli strumenti musicali o dalle voci umane, ma diventa “materia sonora” ottenibile in maniera naturale o artificiale grazie all’apporto di potenti elaboratori e di sofisticati pro- grammi di calcolo. Abbiamo così accomunato i rumori nati per il cinema con i rumori nati per fare musica, comprendendoli tutti nella controversa branca della musica del Novecento che è stata, ed è, la musica elettroacustica. Il perché di tale accorpamento dei rumori in un unico insieme è moti- vato dal fatto che chi fabbrica i rumori per lo schermo e chi crea i ru- mori per le sale da concerto coincidono con la stessa persona: l’esperto di manipolazione o di acquisizione del suono, una figura pro- fessionale le cui competenze abbracciano l’informatica, l’ingegneria dei suoni e la composizione musicale. È necessario distinguere i rumori fatti per essere suonati da soli, dai rumori creati per essere diffusi insieme alla visione di immagini. In- fatti, il risultato percettivo dei rumori può cambiare notevolmente a seconda che essi siano diffusi con o senza immagine. Accade così che 9

Anteprima della Tesi di Mario Barbuti

Anteprima della tesi: L’evoluzione della musica elettroacustica attraverso gli effetti sonori nei film: da “Tom and Jerry” a “X-Men”, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Mario Barbuti Contatta »

Composta da 158 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3652 click dal 11/09/2006.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.