Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Sfida ad un turismo sostenibile

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

8 1.2 Dal Grand Tour ai viaggi organizzati Il Grand Tour è considerato il precursore del turismo moderno e tale termine fu utilizzato per la prima volta nel 1600 per indicare “il viaggio compiuto dai giovani dell’aristocrazia inglese come parte conclusiva del loro ciclo di studi e momento fondamentale della loro crescita culturale”. Ma oltre al Grand Tour, ricordiamo che nella società di tale periodo si afferma un nuovo tipo di viaggio, ben diverso da quello compiuto dai giovani aristocratici, prescritto dagli ordinamenti corporativi e che vede come fruitore il giovane apprendista, il quale si reca per alcuni anni presso delle località dove apprende e perfeziona le tecniche lavorative, e tal esperienza rappresenta una tappa fondamentale ed obbligatoria per l’accesso al mondo dei mestieri 5 . Nel corso del Settecento, il Grand Tour diviene una moda all’interno della società inglese e, verso la fine del secolo, si estende anche al mondo borghese 6 . Locke elenca i meriti di tale viaggio formativo “ arricchisce lo spirito, rettifica il giudizio, rimuove i pregiudizi, forgia le maniere esteriori che plasma il complete gentleman” 7 . Alle suddette motivazioni si aggiungono anche motivi politici che portano alla scelta di una determinata località rispetto ad un’altra, infatti, era solito per il giovane aristocratico, durante il suo viaggio, frequentare i salotti della nobiltà o recarsi presso le corti dei principi per farsi conoscere e mostrare le proprie capacità così da ottenere promesse per il futuro 8 . Il giovane che si apprestava a partire aveva un’età media di diciotto anni ed il suo soggiorno durava da due a tre anni, per poter ben acquisire una buona conoscenza delle località visitate e delle lingue. 5 Savelli A., Sociologia del turismo, Milano, Franco Angeli, 2005, pp. 73-74. 6 Ibidem, p.76. 7 Boyer M., op.cit., p. 28. 8 Savelli A., op.cit., p. 75.

Anteprima della Tesi di Laura Lima

Anteprima della tesi: Sfida ad un turismo sostenibile, Pagina 6

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Laura Lima Contatta »

Composta da 81 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8713 click dal 19/09/2006.

 

Consultata integralmente 18 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.