Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La cittadinanza tra antichità e postmodernità

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

15 nel territorio comunale, dalla protezione contro le aggressioni esterne all’iscrizione alle Arti e alla partecipazione politica. E poi gli obblighi: obbedire alle istituzioni, collaborare attivamente al bene della città, partecipare alle milizie cittadine, dare il proprio contributo al fabbisogno finanziario del comune. In realtà una semplice elencazione di diritti e doveri rischia di comunicare un’immagine troppo modernamente giuridicista della cittadinanza medievale. Per il cittadino medievale contava il suo radicamento in una relazione di appartenenza: era questa che generava per il soggetto, assegnando ad esso la sua peculiare posizione, vantaggi e oneri congiuntamente. Il comune cittadino si alimenta di un forte coinvolgimento dei suoi membri nella vita della città; la struttura portante della vita pubblica implica una presenza attiva e partecipe dei cittadini. Inoltre la partecipazione del popolo del comune non è la partecipazione di tutti, è una partecipazione necessariamente differenziata e gerarchizzata, segnata dalle differenze del censo e dello status. 6 La partecipazione come diritto di eleggere e/o di essere eletti è quindi uno dei molti aspetti del pacchetto di oneri e privilegi che chiamiamo cittadinanza: un contenitore generico che si sostanzia in status differenziati e gerarchizzati, dove oneri e onori, diritti e doveri, obbedienze e supremazie, attività di partecipazione e obblighi di astensione sono inscindibilmente connessi. La cittadinanza medievale si presenta insomma come un insieme di pratiche e di discorsi difficilmente riducibile ad un profilo giuridico - formale. 6 Aristotele, La Politica, Libro terzo, op. cit., par. 1, p. 56 : “ in alcune città non c’è funzione politica del popolo, né si raduna l’assemblea popolare, ma vengono solo diramate delle convocazioni straordinarie e anche l’amministrazione della giustizia viene affidata ad organi competenti”

Anteprima della Tesi di Claudia Nasole

Anteprima della tesi: La cittadinanza tra antichità e postmodernità, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Claudia Nasole Contatta »

Composta da 199 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2119 click dal 03/10/2006.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.