Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Agende setting a confronto.La notizia internazionale nella stampa italiana 2001-2003.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

III INTRODUZIONE L’11 settembre 2001 è considerato “l’ora zero” della comunicazione. Quel giorno ha segnato la svolta del nuovo secolo e l'avvio del terzo millennio. Gli Stati Uniti d'America sono stati colpiti nel cuore di New York ma anche l'occidente si è sentito sotto attacco; certezze consolidate si sono incrinate, il nord del mondo si è ritrovato più insicuro e sospettoso verso tutto ciò che è “altro”. Il terrorismo ha travolto equilibri internazionali ed agende diplomatiche spostando il baricentro verso l'area vasta del mondo islamico, tra Afghanistan ed Iraq perché lì si trovavano Bin Laden e Saddam, lì si trovavano le centrali del terrorismo internazionale che preannunciava nuove azioni ancor più eclatanti. Ma l'11 settembre è stato anche determinante per l'universo mediatico. Le immagini delle "Torri crollanti" erano state viste in ogni angolo del pianeta e martellarono per mesi e mesi attraverso tutti i media mentre, proprio nei paesi che più avevano esaltato la libertà di stampa, si insinuavano i condizionamenti della censura e dell'autocensura; gli opinion makers lanciavano commenti intrisi di stereotipi e zittivano le poche voci critiche. La Casa Bianca proclamò la "guerra infinita" puntando direttamente sull'Afghanistan per abbattere il governo talebano e i covi del terrorismo islamico, poi attaccò l'Iraq per rovesciare la dittatura mentre l'opinione pubblica mondiale sollecitava risposte diplomatiche. Questo contesto ha evidenziato il crescente potere dell’amministrazione americana nell’utilizzo del “news management” e dei cosiddetti giornalisti “embedded” per esercitare pressioni sulla stampa mondiale, giustificate dalla guerra al terrorismo e dal fatto che, chiunque non si allineasse al patriottismo americano, fosse bollato come sostenitore dei terroristi.

Anteprima della Tesi di Eleonora Zarro

Anteprima della tesi: Agende setting a confronto.La notizia internazionale nella stampa italiana 2001-2003., Pagina 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Eleonora Zarro Contatta »

Composta da 123 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 722 click dal 12/10/2006.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.