Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il fattore religioso nella Convenzione europea dei Diritti dell'Uomo e la condizione delle Chiese in alcune sentenze della Corte di Strasburgo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 Belgio e la Francia, invece, proponevano un’Assemblea consultiva indipendente dai Governi, con competenze molto estese. Nella riunione dei Ministri degli Affari Esteri del 28 gennaio 1949 prevalse la soluzione britannico-scandinava e l’Assemblea venne relegata ad un ruolo puramente consultivo, benché indipendente dai Governi. Le ragioni di questo compromesso erano da ritrovare nei timori delle varie cancellerie europee che, allora, ritennero l’unificazione un’avventura troppo azzardata. La cooperazione franco-britannica aveva registrato, a livello europeo, un insuccesso, dal momento che con la nascita del Consiglio d’Europa non si realizzava un’unione né di tipo federale né confederale, bensì un’organizzazione internazionale europea di tipo classico, con lo scopo di favorire una più stretta coordinazione tra gli Stati membri. I dieci Paesi fondatori del Consiglio d’Europa (Belgio, Danimarca, Francia, Gran Bretagna, Irlanda, Italia, Lussemburgo, Norvegia, Olanda e Svezia) “hanno saputo realizzare un foro di incontro e di collegamento di una ampiezza senza precedenti” 7 ; hanno saputo incarnare un compromesso politico molto importante, senza il quale non si sarebbe mai arrivati alla sua istituzione. Le differenti impostazioni di questo compromesso si ritrovano nel dettato dello Statuto del Consiglio. La posizione franco-belga è rappresentata dal perseguimento di nobili e generali obiettivi, mentre quella britannico-scandinava è garantita dalla cooperazione internazionale di tipo classico. Nonostante i numerosi emendamenti, la ratio del compromesso politico è rimasta inalterata. Il Consiglio d’Europa non è riuscito a divenire un ente sovranazionale, come è accaduto per le Comunità europee. L’accordo multilaterale che istituisce il Consiglio d’Europa, è racchiuso in un Preambolo e 42 articoli, riuniti in dieci capitoli. Nel Preambolo dello Statuto si affermano i valori sui quali poggia l’Organizzazione. Gli Stati membri vi hanno proclamato: 7 Cfr. ANDREOTTI G., Consiglio d’Europa, foro di incontro e di collegamento, in “Rivista di studi politici internazionali”, LI (1984), 3, p. 411.

Anteprima della Tesi di Barbara Riggi

Anteprima della tesi: Il fattore religioso nella Convenzione europea dei Diritti dell'Uomo e la condizione delle Chiese in alcune sentenze della Corte di Strasburgo, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Barbara Riggi Contatta »

Composta da 222 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2522 click dal 24/10/2006.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.