Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La Sperimentazione in Cardiologia

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

2 L’evoluzione della Cardiologia dal Medioevo ai giorni nostri La storia della sperimentazione cardiologica si sviluppa sin dai tempi più antichi, inizialmente con lo studio, o meglio con la scoperta, della consistente formazione dell’apparato cardio-circolatorio, attraverso la sua costituzione e il suo complesso funzionamento, analizzando dapprima il complesso sistema animale e poi passando ad applicare ciò che si era scoperto,sempre con una certa cautela,sull’essere umano. Sappiamo che numerosi interrogativi, a partire dal XVII secolo e numerosi trattati denotano come, soprattutto in Italia, vi siano stati notevolissimi esperimenti, volti a determinare, ad esempio, la struttura ed il funzionamento della circolazione sanguigna e del sangue, tanto da essere largamente analizzati da studiosi e cardiologici di tutta Europa, e non solo, ma anche da molti studiosi britannici e statunitensi. Ad esempio di tale linea adottata è rilevante costatare come tre grandi contributi del secolo XIII, relativi alla dimostrazione della circolazione del sangue, sono considerati precursori di quella che sarebbe stata la storia fattiva, e poi sperimentale della cardiologia. Infatti, il primo, riguardante la trasfusione di sangue, costituisce una delle più belle e più

Anteprima della Tesi di Maria Anna Filosa

Anteprima della tesi: La Sperimentazione in Cardiologia, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Maria Anna Filosa Contatta »

Composta da 159 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2343 click dal 06/11/2006.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.