Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le risorse umane nella società del rischio: la formazione come strumento strategico

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

12 - processi di differenziazione, ossia di attribuzione di compiti specifici alle professionalità esistenti; più un’organizzazione è complessa tanto più essa sarà differenziata; - processo di integrazione, garantito da un processo di differenziazione, che garantisce a sua volta il raggiungimento degli obiettivi. La struttura organizzativa, inoltre, si sostiene su quattro processi: - “sistema di controllo; - comunicazione e informazione; - procedere attraverso metodiche codificate di valutazione e di ricompensa; - capacità di pianificare” 2 . Questi processi sono tali per cui un cambiamento di uno di essi può modificare o cambiare totalmente gli altri. Le teorie classiche hanno contribuito all’elaborazione di un modello ideale di organizzazione esclusivamente formale. Il loro fine era quello di mobilitare in modo ottimale le risorse materiali ed umane dell’organizzazione inserendo razionalità e prevedibilità. Per quanto riguarda l’organizzazione classica si possono individuare alcuni principi generali: - principio scalare o gerarchico: è necessario che sia ben chiara la “piramide aziendale” caratterizzata da un’attenta burocrazia; - unità di comando: in un’organizzazione classica è necessario che ciascuno sappia esattamente da chi è comandato; - principio d’eccezione: nel momento in cui l’organizzazione si trova di fronte ad una situazione insolita si deve ricorrere al soggetto con più alto potere decisionale; - ambito di controllo: in un’organizzazione è necessario che colui che controlla/gestisce conosca l’ambito nel quale esercita la sua funzione; - specializzazione organizzativa: più un’organizzazione si evolve e cresce e più essa tende a specializzare le proprie funzioni; 2 : Baglioni G., Lavoro e decisioni nell’impresa, Bologna, Il Mulino, 2001, p. 48.

Anteprima della Tesi di Rossella Torino

Anteprima della tesi: Le risorse umane nella società del rischio: la formazione come strumento strategico, Pagina 9

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze dell'Educazione

Autore: Rossella Torino Contatta »

Composta da 326 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 13761 click dal 28/11/2006.

 

Consultata integralmente 30 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.