Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Studio della vulnerabilità a differente scala spaziale di evento per fenomeni di inondazione con scopi assicurativi

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

INTRODUZIONE 2 Qualora si renda necessario effettuare uno studio di vulnerabilità, occorre reperire informazioni riguardanti l’intensità di piena, le relazioni intensità di piena - danno e le tipologie di elementi esposti al rischio. Per quanto concerne l’intensità di piena, allo stato attuale viene assunto, in letteratura scientifica, che sia possibile utilizzare una sola grandezza caratteristica: la profondità massima localmente raggiunta dall’acqua (tirante idrico), reperibile dalle analisi idrauliche. Ovviamente tale semplificazione comporta che parametri importanti come la velocità locale, l’erosione, il trasporto e la deposizione di materiale solido, la rapidità di comparsa del fenomeno e la sua durata non concorrono alla definizione della vulnerabilità. Conseguentemente, le relazioni intensità di piena - danno vengono assunte unicamente in termini di tirante idrico – danno e prendono il nome di funzioni di danno o curve di vulnerabilità. La difficoltà di correlare l’intensità di piena al danno e quindi, giungere alla costruzione di funzioni di vulnerabilità, è un argomento dibattuto e oggetto di sviluppo in letteratura. Tali funzioni sono generalmente costruite sulla base di analisi statistiche dei danni registrati post-inondazione, sono caratteristiche della tipologia di esposto vulnerabile e presentano il problema di una difficile esportabilità, in quanto caratteristiche della zona di origine dei dati di danno. Reperire informazioni riguardanti le tipologie di elementi esposti al rischio influenza il tipo di analisi di vulnerabilità che vuole essere effettuata. Infatti si possono effettuare analisi a differenti scale spaziali, che vanno dall’analisi a macroarea ad analisi dei singoli elementi esposti al rischio. Ovviamente, a seconda della discretizzazione del territorio adottata lo sforzo di reperimento delle informazioni varierà notevolmente. La valutazione della vulnerabilità è di supporto alla fase decisionale in numerosi campi applicativi, dalla pianificazione territoriale, alla protezione civile, alla progettazione di misure strutturali per la mitigazione del rischio, nonché per il campo assicurativo, in cui si vogliono effettuare valutazioni di

Anteprima della Tesi di Massimiliano Degiorgis

Anteprima della tesi: Studio della vulnerabilità a differente scala spaziale di evento per fenomeni di inondazione con scopi assicurativi, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Massimiliano Degiorgis Contatta »

Composta da 138 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1014 click dal 05/01/2007.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.