Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Confronto tra indici sintetici sulla qualità dell'aria e loro variabilità sul territorio

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5CAPITOLO I Introduzione all’analisi 1.1 Premessa Negli ultimi anni la normativa comunitaria si è occupata in maniera rilevante di inquinamento, in particolare di qualità dell'aria, fino a giungere all'emanazione di un “Sesto programma di azione per l'ambiente”. In trent'anni di legislazione ambientale europea molto è stato fatto, rimangono tuttavia dei problemi per alcune sostanze inquinanti come il particolato (polveri sottili) o l'ozono, che ogni anno incidono sulla salute di molte persone. Il problema è particolarmente accentuato nelle zone urbane, dove si registra la concentrazione di molte fonti inquinanti (impianti di riscaldamento e condizionamento degli edifici, trasporti e attività industriali), in connessione a particolari condizioni climatiche e geografiche. La qualità dell'aria, afferma il Sesto Programma, non è un problema soltanto sovranazionale o nazionale, ma devono essere le autorità locali e regionali responsabili che devono intervenire opportunamente per ridurre le emissioni. 1 Ciò è coerente con Agenda 21, il documento di intenti per la promozione dello sviluppo sostenibile che 178 Paesi, tra cui l'Italia, hanno sottoscritto dopo la Conferenza ONU su Ambiente e Sviluppo di Rio de Janeiro nel 1992. Al capitolo 28 di Agenda 21 si invitano le autorità locali a giocare un ruolo chiave nel raggiungimento di obiettivi di sviluppo compatibili con l’ambiente, inseriti in un’Agenda 21 locale e definiti attraverso la partecipazione e la cooperazione dei soggetti istituzionali e sociali di un determinato territorio. Il Sesto Programma si caratterizza inoltre, ancora più che in passato, per lo spazio dedicato alla questione degli indicatori di qualità dell'aria. Secondo il Programma, disporre di indicatori globali sarà l’elemento fondamentale per la valutazione intermedia dei progressi realizzati nell'attuazione del Programma stesso. 2 Dovranno dunque essere definiti indicatori chiari e omogenei in grado 1 Vedi “Comunicazione della Commissione al Consiglio, al Parlamento europeo, al Comitato economico e sociale e al Comitato delle regioni sul Sesto programma di azione per l'ambiente della Comunità europea "Ambiente 2010: il nostro futuro, la nostra scelta" - Sesto programma di azione per l'ambiente”. 2 ibidem.

Anteprima della Tesi di Daniele D'asaro

Anteprima della tesi: Confronto tra indici sintetici sulla qualità dell'aria e loro variabilità sul territorio, Pagina 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Statistiche

Autore: Daniele D'asaro Contatta »

Composta da 59 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1090 click dal 17/01/2007.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.