Il Codice del consumo. D.Lgs. 6 settembre 2005, n. 206

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

I - L’EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA IN TEMA DI TUTELA DEL CONSUMATORE 9 della produzione e della distribuzione si può realizzare un effettiva tutela del consumatore. Il fenomeno sociale del consumerismo nasce negli Stati Uniti d’America agli inizi del XX secolo, ed è il frutto di una vasta protesta degli strati più poveri della popolazione, contro i continui abusi dei grandi monopolisti ed oligopolisti che imponevano alti prezzi e qualità scadente sui generi di prima necessità 19 . È proprio negli USA che nel 1890 viene varato lo Sherman Act, il cui obiettivo era quello di frenare lo strapotere economico e l’espansione dei grandi monopoli, introducendo il principio della libera concorrenza 20 . In verità, la disciplina in questione era finalizzata a tutelare il diritto delle piccole imprese e solo indiret- tamente il diritto dei consumatori. La concorrenza tra i produttori, infatti, stimola ciascuno di essi a migliorare continuamente la qualità dei suoi prodotti e a ridurre i costi; ciò rende possibile il perseguimento di benefici per i destinatari finali della produzione che si traducono nella disponibilità di prodotti di buona qualità ai prezzi più bassi possibili 21 . L’effettiva difesa del consumatore negli USA trova origine, all’inizio del XX secolo, nella nascita del primo movimento ispirato al consumerismo, determinata dalle proteste di massa contro l’aumento dei prezzi e gli scandali del settore farmaceutico. L’attenzione del legislatore a tali proteste portò all’approvazione nel 1906 di alcune leggi federali che imposero alle industrie un livello minimo di qualità negli alimenti e nei farmaci (il Meat Inspection Act ed il Pure Food and Drug Act), e alla creazione della Federal Trade Commission (1914), un’agenzia amministrativa, destinata ad operare controlli sulla concorrenza e sulle attività produttive. Si trattò di un successo parziale, e il malcontento, per gli stessi motivi, tornò ad imporsi negli anni della Grande Depressione. Questa seconda ondata di protesta, verso gli anni Trenta, contro gli aumenti indiscriminati dei prezzi e la commercializzazione di farmaci nocivi, fu attuata da una popolazione più consapevole che riuscì ad ottenere un rafforzamento delle precedenti leggi e l’ampliamento dei poteri normativi della Federal Trade Commission per 19 G. ALPA, Il diritto dei consumatori, Roma-Bari, 2002, pp. 4 ss. 20 A. VANZETTI e V. DI CATALDO, Diritto antitrust, in Manuale di diritto industriale, Milano, 2003, pp. 485 ss. 21 A. AQUINO, Aspetti economici della tutela dei consumatori, in Il diritto dei consumi, I, a cura di P. Perlingieri e E. Caterini, Rende, 2004, pp. 45 e 60.

Anteprima della Tesi di Andrea Florio

Anteprima della tesi: Il Codice del consumo. D.Lgs. 6 settembre 2005, n. 206, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Andrea Florio Contatta »

Composta da 218 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8189 click dal 18/01/2007.

 

Consultata integralmente 53 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.