Un'applicazione delle tecniche del sei sigma in ambito bancario: l'impatto della localizzazione e della dimensione sulla performance delle filiali di Banca Intesa

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Fase 5 – Control Qui una serie di strumenti e tecniche vengono applicati al processo migliorato in modo che le nuove prestazioni sigma si mantengano nel tempo. In sostanza, Sei Sigma è una filosofia di gestione che mira a migliorare l’efficacia e l’efficienza. L’efficacia è il grado con cui una azienda soddisfa le esigenze dei propri clienti. L’efficienza è rappresentata dalle risorse consumate per ottenere l’efficacia. In genere l’efficienza si riferisce al tempo, al costo, al lavoro o al valore necessari per essere efficaci. La fase di Analisi, che in questo lavoro cercheremo di approfondire, è considerata da molti la più importante, perché è essenziale per fare capire al team quali sono i fattori/cause principali su cui concentrarsi per ridurre la variabilità del processo rendendolo efficace e ottimizzando, quindi, la risposta del sistema. A tal proposito, come caso di studio, si sono analizzate 1880 filiali di Banca Intesa 1 . Il nostro obiettivo sarà quello di valutare la performance delle filiali sotto il profilo dell’indicatore di redditività RGES/COPER (Rendimento Risorse Impiegate). Il Rendimento delle Risorse Impiegate fornisce utili informazioni su un’area tipicamente aziendale (area della redditività) ed è l’indicatore ritenuto più importante per la valutazione della performance complessiva delle filiali perché determina l’entità del risultato operativo generato da 100 euro di risorse impiegate. Se, ad esempio, il rapporto RGES/COPER è del 200 per cento vuol dire che il risultato di gestione è il doppio dei costi operativi. Il percorso che ci conduce alla valutazione della performance inizia con una fase introduttiva di fondamentale importanza che mira all’individuazione delle cause/fattori che introducono variabilità alla risposta oggetto di indagine (RGES/COPER), con lo scopo di individuare il gruppo di filiali più efficiente. In base alla definizione data da Milgrom (1998), un’organizzazione o un sistema che produca esiti migliori risulta efficiente; non c’è dubbio, allora, che individuare il “gruppo” di filiali con il più alto rendimento delle risorse vuol dire identificare, sotto l’aspetto economico, le filiali più efficienti. I fattori impiegati come cause della variabilità sono la “dimensione” delle filiali e il “territorio” in cui esse operano. La dimensione, considerata da molti la più importante caratteristica strutturale, è capace da sola di esprimere, nella sua configurazione “ottimale”, le condizioni di una gestione efficiente nel rispetto dell’equilibrio economico e finanziario dell’azienda. Dal canto suo, l’analisi del territorio riveste importanza primaria ai fini di una corretta segmentazione dal lato della domanda e dell’offerta, necessaria per la competitività delle filiali. Ricapitolando, il nostro obiettivo sarà quello di valutare, in relazione al fattore dimensione e al fattore territorio, la performance delle filiali attraverso l’indicatore RGES/COPER. 1 Si ringrazia la direzione marketing retail di Banca Intesa

Anteprima della Tesi di Francesco Blundo

Anteprima della tesi: Un'applicazione delle tecniche del sei sigma in ambito bancario: l'impatto della localizzazione e della dimensione sulla performance delle filiali di Banca Intesa, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Francesco Blundo Contatta »

Composta da 114 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2166 click dal 23/01/2007.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.