Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il bullismo adolescenziale. Uno studio condotto nel sulcis iglesiente

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

8 Capitolo primo L’adolescenza 1.1 Introduzione Le giovani generazioni sono generalmente accompagnate alla maturità dagli adulti responsabili della loro crescita personale e sociale. I rapporti con gli adulti significativi rappresentano dei punti di riferimento imprescindibili per la costruzione del proprio sé e per poter giungere alla maturità adulta come membri positivamente integrati nella realtà sociale in cui si vive. Questo è dimostrato dal fatto che coloro i quali sperimentano gravi carenze nei rapporti significativi, con gli adulti e con i loro pari, soprattutto durante i passaggi critici delle fasi esistenziali più propriamente evolutive (infanzia ed adolescenza), incontrano molte difficoltà a sviluppare la propria personalità in maniera positiva ed integrata e a stabilire stretti legami sociali. Negli ultimi cinquanta anni, si è assistito ad una progressiva rivoluzione culturale che ha investito tutti gli ambiti sociali ed ha favorito il mutamento dei modelli educativi e di socializzazione, i valori e le norme trasmessi dalle generazioni adulte verso le giovani generazioni, in termini più democratici, lasciando uno spazio di negoziazione relativamente ampio ai giovani circa la possibilità di accettare, rifiutare o modificare i modelli proposti. Alcune agenzie di socializzazione tra cui la famiglia, le istituzioni religiose, i partiti politici che avevano avuto un ruolo fondamentale nell’accompagnare i giovani alla vita adulta nella prima metà del secolo appena trascorso, hanno perso una parte del loro potere di socializzazione, mentre altre agenzie quali quelle scolastiche, grazie al fenomeno della scolarizzazione di massa, hanno acquisito un ruolo più cruciale nei processi di formazione. Il movimento di rinnovamento culturale degli anni ’60 ha contribuito a portare una ventata di democratizzazione in tutta la società, creando una coscienza molto più condivisa dell’importanza, da parte delle persone, di assumere ciascuno il ruolo di protagonista attivo della propria vicenda esistenziale, entro il tessuto sociale, favorendo anche la trasformazione delle istituzioni formali in maniera tale da facilitare una partecipazione più attiva ad esse, da parte di tutti gli attori sociali. Sono emerse anche alcune proposte educative verso le giovani generazioni, che hanno reso i rapporti educativi tra adulti e giovani più simmetrici, ma meno caratterizzati da quei sentimenti di responsabilità verso le nuove generazioni, che contribuiscono a creare in essa la certezza di avere a disposizione punti di riferimento sicuri e disponibili nel corso del processo di crescita.

Anteprima della Tesi di Diana Sotgiu

Anteprima della tesi: Il bullismo adolescenziale. Uno studio condotto nel sulcis iglesiente, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Diana Sotgiu Contatta »

Composta da 141 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6495 click dal 24/01/2007.

 

Consultata integralmente 18 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.