Skip to content

La luce nella tomba. Fede, ideologie e strategie di fronte alla morte nella Castelvetrano di sec. XVI e XVII

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
15 maggiormente evidente nelle grandi città europee: Londra passa da 60.000 a 170.000 abitanti, Parigi da 100.000 a 200.000, Lisbona da 50.000 a 120.000. 5 Diversa era la situazione della Sicilia, periferia di un mondo che cominciava a spostare il centro dei propri interessi economici verso altri mari e verso altre terre. La mancanza dei traffici commerciali causata sia dalla scoperta di nuove vie per lo sfruttamento delle risorse, sia dalla presenza nel Mediterraneo delle navi musulmane, aveva impedito la ripresa economica spingendo i contadini ad abbandonare le campagne e trasferirsi nelle città coerentemente con la tendenza europea. “Se la Sicilia dopo la morte di Alfonso il Magnanimo, avvenuta nel 1458, durante il regno del successore Giovanni II già duca di Penafjel, che cercò di apparire come il reintegratore dell’ordine e dell’onestà amministrativa, quanto il fratello aveva creato disordine ed autorizzato brogli, sperò di sollevarsi dal grave stato di prostrazione economica in cui era precipitata durante il quarantennio nel quale la politica fiscale alfonsina aveva disintegrato lo Stato, vendendo e rivendendo tra l’altro le Universitates e rendendo ordinaria la finanza straordinaria che soprattutto non aveva mai tenuto conto dell’effettiva capacità contributiva dell’isola, assorbendo capitali vistosi e ponendo le premesse dei fallimenti a catena dei banchieri privati, in realtà la necessità di disporre di mezzi finanziari congrui per la repressione della rivolta scoppiata in Catalogna, costrinse il nuovo re a continuare ad esercitare sull’isola una notevole pressione tributaria. Né la situazione subì modifiche sostanziali nei decenni successivi allorché, in particolare, Carlo V, a partire dal 1518 introdusse “tali e tante serie di richieste straordinarie da superare di gran lunga quelle del suo antenato Alfonso. E queste richieste straordinarie- ha sottolineato il Garufi- si facevano proprio nel momento in cui, dopo la caduta di Costantinopoli, […] da parecchi anni le nostre navi- ha rilevato il Garufi- avevano perduto le rotte per gli antichi scali di commercio col Levante che facevano capo ai grandi empori di Messina e di Trapani, tagliavano fuori, dopo la scoperta del nuovo mondo, dalle vie che s’erano già aperte agli scambi con l’Europa di nuovi prodotti e di grandi ricchezze”.[…] Tra donativi ordinari e straordinari durante il quarantennio di regno di Carlo V (1517-1556) la Sicilia sborsò l’ingente somma di oltre undici milioni di fiorini aragonesi con gravi ripercussioni negative sul suo sviluppo sociale ed economico.” 6 In un’economia così provata qualsiasi momento di crisi, come una carestia o una siccità, può avere pesanti ripercussioni. Infatti a questa situazione già piuttosto problematica si aggiunge che una importante risorsa economica che derivava dalla produzione dello zucchero venne a ridursi drasticamente. Infatti: 5 Cfr. R. Salvalaggio, Storia, 2, Dall’età moderna alle rivoluzioni borghesi, PM, Mondadori Scuola, Milano, 1999, pp. 14-15 – Altre stime sono date da M. R. Reinhard – D. Armengeaud – J. Dupuquier, storia della popolazione mondiale, Laterza, Bari, pp. 165-171 e da M Novelle, La morte e l’Occidente, Laterza, Bari, 1993, pp. 138-145. 6 R. Giuffrida, La Sicilia del Cinquecento, in Atti del congresso di Mazara del Vallo raccolti a cura di G. Di Stefano, Istituto di Storia del Vallo di Mazara, Trapani, 1989, pag. 91-93.
Anteprima della tesi: La luce nella tomba. Fede, ideologie e strategie di fronte alla morte nella Castelvetrano di sec. XVI e XVII, Pagina 10

Indice dalla tesi:

La luce nella tomba. Fede, ideologie e strategie di fronte alla morte nella Castelvetrano di sec. XVI e XVII

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Caterina Basile
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi Roma Tre
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere
  Relatore: Pietro Stella
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 138

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

aragona
castelvetrano
don carlo d'aragona
morte in sicilia
riti funebri a castelvetrano
secoli xvi e xvii
superstizioni in sicilia
tagliavia-aragona

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi