La sicurezza informatica in applicazioni direzionali: una soluzione per la gestione sicura dei dati nella piccola e media impresa

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo I 4 meccanismi non previsti. Proteggere i requisiti di sicurezza di un sistema significa quindi, in termini realistici: ridurre ad un valore accettabile la probabilità che vengano violati; individuare tempestivamente quando ed in quale parte del sistema questo accade; limitare i danni e ripristinare i requisiti violati nel minor tempo possibile. Un primo punto di partenza per valutare il grado di rischio e un piano di sicurezza informativa, consiste nel focalizzare le risorse di un sistema informativo. Tali risorse sono l’insieme delle entità (dagli operatori alle componenti hardware, dal software di base a quello applicativo) necessarie al suo funzionamento. Dal punto di vista della sicurezza, non è importante distinguere fra le risorse che costituiscono il sistema (i.e. le sue componenti) e le risorse delle quali ha bisogno per funzionare: si tratta in ogni caso di risorse “critiche” e quindi da proteggere. Una classificazione delle tipologie di risorsa comunemente presenti in un sistema informativo è utile per procedere in modo sistematico ed esaustivo nella identificazione delle risorse stesse. Possiamo in particolare distinguere fra risorse fisiche e logiche. Le principali risorse fisiche solitamente presenti in un sistema informativo moderno sono calcolatori (server e postazioni di lavoro), periferiche (scanner, stampanti, modem), apparecchiature di rete, i locali che ospitano le apparecchiature e gli impianti di alimentazione e condizionamento di tali locali. Vale la pena osservare che anche gli operatori umani possono essere considerati per certi aspetti come risorse fisiche.

Anteprima della Tesi di Claudio Della Pietra

Anteprima della tesi: La sicurezza informatica in applicazioni direzionali: una soluzione per la gestione sicura dei dati nella piccola e media impresa, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Claudio Della Pietra Contatta »

Composta da 138 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3759 click dal 24/01/2007.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.