Skip to content

Questione di stile. Scrivere per capire e farsi capire all'interno della Pubblica Amministrazione

La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: Loggati o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
1. Saper comunicare attraverso i testi scritti 19 1.2 La scrittura come atto comunicativo e il ruolo del destinatario 1.2.1 Il processo di scrittura La stragrande maggioranza dei manuali sulla scrittura e le sue tecniche raccomanda di avere sempre ben chiari gli obiettivi e i destinatari da raggiungere prima di cominciare a scrivere, nonché il contenuto della comunicazione e i mezzi espressivi più idonei per esprimerlo. Di certo è auspicabile possedere con precisione tutti i parametri che consentono di scrivere al meglio, tuttavia nella pratica quotidiana non è sempre possibile avere queste informazioni fin dall’inizio. In genere quindi, per scrivere un testo, è sufficiente partire con un’idea generale degli argomenti da trattare e dei futuri lettori, lasciando che lo scritto acquisisca una forma più definita man mano che viene elaborato. Questa semplice considerazione serve per introdurre due principi largamente condivisi tra docenti e studiosi, anche se spesso poco praticati: in primo luogo la scrittura va intesa come un processo dinamico composto da fasi e sottofasi che non sono mai ben distinte e individuabili tra loro 10 ; in secondo luogo, a scrivere si impara essenzialmente riscrivendo, sia nel caso di testi propri, sia quando gli autori sono altri, e bisogna quindi tradurre, riassumere con parole proprie ciò che è già stato scritto. L’attività di scrittura è di certo sequenziale, nel senso che ogni parola poggia sul gradino precedente, e a sua volta influisce sulla stesura del successivo 11 . Ma la sequenzialità non va fraintesa con la gerarchia tra già scritto e da scrivere: fra i due semmai esiste un rapporto di interdipendenza visto che, più si va avanti con l’elaborato, più si presenta la necessità di tornare indietro e rileggere, controllare che il testo risulti sempre ben coeso e coerente. Del resto la stessa etimologia del 10 Secondo la retorica classica la creazione di ogni testo scritto poteva avvenire solo attraverso tre livelli di elaborazione, gerarchici e sequenziali tra loro: l’inventio riguarda la scelta dei contenuti da trattare e precede la dispositio, che si occupa del loro ordinamento nel testo e l’elocutio, che consiste nel trovare le parole giuste e nel disporle efficacemente in frasi e paragrafi. A queste tre fasi principali si aggiungono, nel caso in cui il testo prodotto vada pronunciato oralmente, la memoria, che consiste nella capacità di ricordare i testi, e infine l’actio, cioè l’insieme di tecniche impiegate per recitare. 11 D. Fiormonte, F. Cremascoli, Manuale di scrittura, Bollati Boringhieri, Torino 1998, pag. 15.
Anteprima della tesi: Questione di stile. Scrivere per capire e farsi capire all'interno della Pubblica Amministrazione, Pagina 15

Indice dalla tesi:

Questione di stile. Scrivere per capire e farsi capire all'interno della Pubblica Amministrazione

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

Autore: Anna Domini
Tipo: Tesi di Laurea
Anno: 2004-05
Università: Università degli Studi di Siena
Facoltà: Lettere e Filosofia
Corso: Scienze della Comunicazione
Relatore: MaurizioBoldrini
Lingua: Italiano
Num. pagine: 164

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario, dalla commissione in sede d'esame, e - se pubblicata su Tesionline - anche dalla nostra redazione.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

amministrazione
antilingua
autoreferenzialità
burocratese
comprensibilità
comune
comunicazione
informazione
innovazione
legge 150/2000
leggibilità
linguaggio amministrativo
scrittura controllata
semplificazione
testo pubblico
trasparenza
uffici pubblici

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani

Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi?
Quale sarà il docente più disponibile?
Quale l'argomento più interessante per me?
...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile


La tesi l'ho già scritta, ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri. Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi