Skip to content

Valutazione della corretta tipologia di forno fusorio per alluminio secondario

La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: Loggati o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
Prefazione L’alluminio crescita e gli ultimi dati relativi al 2003 indicano una produzione di ben 34 milioni di tonnellate. Il futuro prevede ancora un aumento di circa il 4-5% annuo di consumo globale di alluminio e un’ulteriore impennata, e quindi produzione, potrebbe derivare sia dai paesi in rapida crescita economica ( per l’area asiatica si pensi che la sola Cina puntava per il 2004 ad una produzione di circa 6.5 milioni di t rispetto alle 4,3 milioni di t del 2002) sia da quelli in via di sviluppo che utilizzerebbero l’alluminio direttamente by-passando l’utilizzo di altri materiali come ad esempio il rame nel settore elettrico. E’ riscontrato infatti che il suo consumo aumenta con l’aumentare del Prodotto Nazionale Lordo di una stato e l’esplosiva crescita economica di molte zone del pianeta può a buon diritto far prevedere questo ulteriore trend di crescita. A conferma di ciò si annoti che il consumo dell’alluminio primario è attualmente concentrato per il 90% nelle regioni ad alta industrializzazione nonostante il 90 % delle sue risorse e della sua produzione sia localizzata in paesi in via di sviluppo. La geografia di chi produce alluminio dal minerale si sta infatti spostando verso quelle aree in cui la disponibilità e il costo dell’energia elettrica (vuoi per lo sfruttamento delle fonti rinnovabili vuoi per l’abbondanza di combustibili) è più basso. Una via per sopperire alle crescenti esigenze dell'industria bisognosa di quantità sempre maggiori di metallo a buon mercato e che fosse disponibile invece il più vicino possibile rispetto alle lontane zone di produzione del primario, ha permesso di scoprire quella che oggi è forse considerata uno degli attributi di maggior pregio: l’attitudine al riciclaggio. Negli ultimi 25 anni questa importante qualità ha contribuito notevolmente al suo successo tanto che oggi, con circa 10 milioni di tonnellate annue, costituisce circa il 30% della produzione mondiale. In una economia di mercato è chiaro che l’incentivo e la possibilità di recupero di un bene dimesso è proporzionale al suo valore residuo. Sotto questa ottica l'alluminio e le sue leghe sono dei materiali straordinari, in quanto possono essere riciclati indefinitamente senza apprezzabili penalizzazioni qualitative a costi molto contenuti. La progressione straordinaria di questa consapevolezza, accompagnata dal progresso costante delle tecniche fusorie, ha fatto si che nel 2003 oltre il 50% di tutto l'alluminio grezzo prodotto in Europa Occidentale derivasse da materiale recuperato e riciclato e che addirittura in Italia tale percentuale arrivasse al 75%, con andamento costantemente in crescita. 2
Anteprima della tesi: Valutazione della corretta tipologia di forno fusorio per alluminio secondario, Pagina 2

Indice dalla tesi:

Valutazione della corretta tipologia di forno fusorio per alluminio secondario

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

Autore: Giovanni Sbrega
Tipo: Laurea liv.I
Anno: 2004-05
Università: Università degli Studi di Ancona
Facoltà: Ingegneria
Corso: Ingegneria meccanica
Relatore: EnricoEvangelista
Lingua: Italiano
Num. pagine: 78

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario, dalla commissione in sede d'esame, e - se pubblicata su Tesionline - anche dalla nostra redazione.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

alluminio
alluminio secondario
costo del punto fuso
forno a bacino
forno a doppia camera
forno tiltante
fusione
ossicombustione
resa di fusione
riciclo
rottami d'alluminio
stirring elettromagnetico

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani

Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi?
Quale sarà il docente più disponibile?
Quale l'argomento più interessante per me?
...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile


La tesi l'ho già scritta, ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri. Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi