Le scelte minime, il colloquio in campo psicopedagogico

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Furio Vanossi Le scelte minime/CRONOLOGIA SUPSI/DLS/LD 13 1.1.1 La relazione come processo di comunicazione Al fine di comprendere il termine complesso di “relazione” riporto la definizione della relazione e dei processi di comunicazione contenuti nella “Pragmatica della comunicazione umana” di P. Wa- zlawick, J. H. Beavin e D. D. Jackson 7 . La relazione educativa si serve della comunicazione come uno strumento privilegiato d’intervento. La comunicazione tra due o più persone è costituita da inte- razioni. Queste ultime sono un gioco di influenze reciproche che si esprimono tra due o più persone, in una situazione ed in un determinato contesto. In ogni interazione vi è la presenza del fenomeno detto “feed-back”, che significa “informazione di ritorno” o “retroazione”. La retroazione è data dai segni direttamente o indirettamente percepiti che permettono a una persona (che ha un dato comportamento verso un’altra) di percepire l’effetto del suo comportamento o del suo messaggio verso l’altro. La percezione del feed-back da parte del mit- tente del messaggio influenzerà gli ulteriori reciproci messaggi. Quindi ogni interazione tra due o più elementi, produce degli effetti circolari di retroazione sulla causa, modificandola, producendo un altro effetto circolare, reagendo di nuovo sulla causa, e così di seguito. La comunicazione esprime due intenzioni: ▒ Una (primo livello) che informa a proposito del contenuto del messaggio che intendiamo trasmettere. Questo tipo di comunicazione ha semantica limitata, quindi può esprimere un numero definito di concetti. La sintassi è definita, e dà la possibilità di esprimere le funzioni logiche in modo non ambiguo. ▒ L’altra (secondo livello) che informa a proposito della relazione instaurata tra gli interlocu- tori. Questo tipo di comunicazione ha semantica illimitata, almeno per analogia. La sintassi rimane ambigua, ogni cosa può voler dire se stessa o il suo contrario. 7 WATZLAWICK P., HELMICK BEAVIN J., JACKSON D.D., Pragmatics of human communication, W. W. Norton & Co., Inc., New York, 1967. [Tr. it. di FERRETTI M., Pragmatica della comunicazione umana, ed. Astrolabio, Roma, 1971]. .

Anteprima della Tesi di Furio Vanossi

Anteprima della tesi: Le scelte minime, il colloquio in campo psicopedagogico, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Dipartimento lavoro sociale

Autore: Furio Vanossi Contatta »

Composta da 154 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2828 click dal 07/02/2007.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.