Skip to content

This is the end... Analisi testuale di Apocalypse Now di F.F.Coppola

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
Coloro che han traghettato Con occhi diritti, all’altro regno della morte Ci ricordano – se pure lo fanno – non come anime Perdute e violente, ma solo Come gli uomini vuoti Gli uomini impagliati 5 Il passo è tratto dalla prima sezione di The Hollow Men di T.S.Eliot. La celebre epigrafe dell’opera è tratta direttamente da Heart of Darkness, ed è la lapidaria frase con la quale Conrad congeda il suo personaggio: “Mistah Kurtz-morì”. Kurtz (quello cinematografico), in pratica, per un gioco di riferimenti, legge il suo stesso epitaffio, rendendo ancora più chiara la consapevolezza della sua fine. Eliot definisce spesso gli uomini contemporanei dei “morti in vita”. La seconda epigrafe, “un penny per il vecchio Guy”, si riferisce a Guy Fawkes, personaggio che la storia inglese ricorda per il suo (fallito) tentativo di far esplodere il parlamento. La poesia, pubblicata nel 1925, riprende e sviluppa i temi de La terra desolata. Eliot, in qualità di esistenza fisica, si pone all’interno della sua stessa critica all’uomo del Novecento utilizzando il “Noi” (We, non tradotto). Il termine “vuoto”, condivide la stessa importanza anche nell’opera di Conrad, come aggettivo che definisce i coloni e le loro azioni. Sertoli ha scritto: Fin dalle prime pagine del racconto, il mondo e le azioni dei bianchi sono contrassegnati da immagini di vuoto e svuotamento. Bruxelles, “citta sepolcrale”, “città dei morti”, è una città di strade deserte, di grandi palazzi dagli androni e scaloni e saloni altrettanto deserti nei quali si amministra il vuoto della “civiltà” per diffonderlo poi all’esterno, con un gesto che è , precisamente, di svuotamento. L’Europa esporta il proprio vuoto scavando – annientando – il “pieno” dell’ Africa. Ecco la cannoniera che alla cieca fa fuoco “su un continente”, ecco i pellegrini che sparano a casaccio contro un ippopotamo, contro la foresta, contro i “selvaggi”. Il vuoto che essi producono, che la “civiltà” bianca produce, Marlow se lo vede davanti nella waste land che lo attende appena sbarcato: colline sventrate dalla dinamite; voragini aperte nel terreno in cui arrugginiscono gli stessi oggetti-segni della (sua) “civiltà”: caldaie, vagoncini, rotaie…; il battello di cui egli dovrebbe assumere il comando, con la carena squarciata; e poi i “lavoratori” indigeni dagli “enormi” occhi “vacui” che fissano il nulla, il corpo macilento e spettrale come a seguito di qualche “massacro o pestilenza” che li abbia svuotati di ogni energia e vitalità riducendoli a “nere ombre di malattia e di fame”, “forme moribonde”; per finire con gli stessi agenti della “Compagnia, tutti uomini vuoti (hollow men), dal ragioniere-capo al direttore, 5 T.S.Eliot, poesie, a cura di Roberto Sanesi, Bompiani, Milano 1996, p.291. Tutte le traduzioni delle poesie di Eliot fanno riferimento a questa edizione.
Anteprima della tesi: This is the end... Analisi testuale di Apocalypse Now di F.F.Coppola, Pagina 3

Preview dalla tesi:

This is the end... Analisi testuale di Apocalypse Now di F.F.Coppola

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Gabriele Nasisi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi Roma Tre
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze e tecnologie delle arti figurative, musica, spettacolo e moda
  Relatore: Lucilla Albano
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 113

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

apocalisse
apocalypse now
conrad
coppola
cuore di tenebra
doors
eliot
frazer
freud
kilgore
kurtz
nietzsche
parricidio
redux
riti di fertilità
terra desolata
vietnam
wagner
wilderness
willard

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi