Andamento dei livelli plasmatici di ACTH e cortisolo nel puledro neonato setticemico

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

progestinici nell’ultimo periodo di gravidanza (Brendemuehl et al., 1995). L’ organo fetale incaricato della produzione di progestageni è la corticale della surrene. L’ infusione di ACTH o CRH al feto equino tra il 248° e il 335° giorno di gestazione provoca un aumento considerevole dei livelli di 5α-pregnani nel sangue materno (Rossdale et al., 1992). Se questa operazione viene effettuata in feti di madri alimentate con fieni parassitati da endofiti non si assiste a nessun aumento dei livelli di 5α- studi condotti in vitro si legano ai recettori della dopamina D 2 e sopprimono la secrezione di prolattina. Nella pecora invece degli alcaloidi, prodotti da un altro endofita, si legano ai recettori della dopamina inibendo la produzione di ACTH. Quindi si pensa che il quadro di gestazione prolungata e dismaturità nei nati da madri esposte ad endofiti sia dovuta ad una alterata funzione surrenalica e tiroidea (Brendemuehl et al., 1995). pregnani nel sangue materno dal 300° giorno fino a termine gravidanza. Questo suggerisce che ci possa essere una compromissione dell’attività surrenalica, teoria avvalorata anche dalle basse concentrazioni di progestageni e cortisolo che si trovano nel sangue di puledri nati da madri esposte all’endofita rispetto a quelle non esposte. La steroidogenesi placentare non viene compromessa in queste circostanze, ma sembra essere interessato solo il feto (Brendemuehl et al., 1995). Esiste una correlazione positiva tra i livelli ematici di cortisolo e ormoni tiroidei nel puledro neonato (Silver et al., 1991), e una correlazione negativa tra madri alimentate con fieni parassitati e livelli di cortisolo e di L-3,5,3’-triiodotironina (T 3 ) nel puledro. La correlazione è ancora oggetto di studio per quanto riguarda l’animale sano. Nei puledri nati da madri esposte all’endofita, la tiroide si presenta aumentata di volume con i follicoli ripieni di colloide, facendo ipotizzare un’insufficiente produzione pituitaria d’ormone tireo-stimolante (TSH). La concomitante carenza di TSH e ACTH fa sospettare una riduzione dell’attività ipotalamica, probabilmente inibita dalle tossine prodotte dall’endofita. Infatti molte molecole prodotte da A. coenophialum sono alcaloidi e in 13

Anteprima della Tesi di Marco Rametta

Anteprima della tesi: Andamento dei livelli plasmatici di ACTH e cortisolo nel puledro neonato setticemico, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Medicina Veterinaria

Autore: Marco Rametta Contatta »

Composta da 159 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2197 click dal 19/04/2007.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.