Skip to content

"The Monk". Il "Gothic romance" di Matthew G. Lewis

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
9 fino al 1737, conobbe uno straordinario successo. Altre raccolte di una certa importanza furono The Hive (1724), Orpheus Caledonius (1725) di William Thomson, Warbling Muses (1749) di Wakefield e Prolutions (1760) di Capell. M. Summers conclude che “The eighteenth century was enthusiastic for ballads” 1 . L'emergere della narrativa gotica è preparata e coincide con un grande ritorno di interesse per il dramma elisabettiano. Tra il 1709 e il 1765 apparvero ben otto edizioni delle opere di Shakespeare. Pope, nume tutelare della poesia augustea, nella Preface alla sua edizione delle opere di Shakespeare del 1725 scrive: "I will conclude by saying that Shakespeare, with all his faults, (...) one may look upon his works, in comparison of those that are more finished and regular, as upon an ancient piece of Gothic architecture, compared with a neat modern building: the latter is more elegant, but the former is more strong and more solemn" 2 . Già John Dryden nel suo Of Dramatic Poesie aveva scitto che Shakespeare “was the man who of all Modern, and perhaps Ancient Poets, had the largest and most comprehensive soul”. E nella sua Preface a Troilus and Cressida leggiamo: “Shakespeare had an Universal mind, which comprehended all Characters and Passions” 3 . Joseph Warton esalta "the bold and severe strokes, the terrible graces, of our irregular Shakespeare, especially in the scenes of magic and incantation. These Ghotic Charmes are in truth more striking to the immagination than the Classical" 4 . Nei confronti di Shakespeare c'era "a steady rise of idolatry throughout the eighteenth century" 5 . Shakespeare fornisce agli scrittori gotici molti temi e immagini; tipicamente modellati su quelli shakespeariani sono, ad esempio, i villains dei romanzi gotici. Ma rimandando ad altro luogo un'analisi più dettagliata dei debiti dei principali romanzi gotici con Shakespeare, notiamo in generale come i suoi plays offrono ottimi esempi di atmosfere soprannatutali e inquietanti: Hamlet, Macbeth, Julius Caesar e Richard III sono attraversati da fantasmi, in particolare in Macbeth e Julius Caesar ci sono profezie e tutta una serie di portenti soprannaturali; King Lear presenta un paesaggio selvaggio e sublime dove si scatena la forza minacciosa della natura e la follia umana; Romeo and Juliet, poi, ha un'intera gamma di orrori: tombe, cripte, sepolcri, ossa ed esalazioni mortuarie. Quasi nessuna opera di Shakespeare ci risparmia crude descrizioni della corruzione fisica e della morte; in quasi tutte campeggia la figura di un prevaricatore dal cupo orgoglio. In Marlowe, poi, "gli spettacoli di sangue non sono sentiti come orripilanti, ma come esaltanti" 6 e il suo Doctor Faustus è stato un modello per tanti protagonisti di romanzi gotici, da Vathek, ad Ambrosio, a Frankenstein, a Melmoth. In questo recupero del teatro elisabettiano (con un grande raffinamento nel campo della pratica teatrale), le opere di Massinger furono ristampate nel 1761, quelle di Beaumont e Fletcher nel 1778, insieme a The Witch di Middlenton. I romanzieri gotici condividevano poi con i tardi autori di teatro elisabettiano una tendenza ad indugiare su morbosi pensieri di morte ed il loro corteo di visioni sepolcrali. Le più crude rappresentazioni del macabro, del fisicamente orribile e rivoltante, erano una caratteristica di autori come Webster, Ford, Marston e Tourner; le 1 Ibid. Come si può vedere le Lyrical Ballads (1798) di Wordsworth e Coleridge non vennero fuori dal nulla, ma coltivate in un ambito culturale che sarà comune a quello del Gothic Romance. 2 In M. Lévy, op. cit., p.54; M. Billi completa la citazione con: “L’edificio gotico è molto più vario ed è composto da appartamenti assai più nobili anche se vi giungiamo attraverso corridoi bui, strani e insoliti”, in M. Billi, op. cit., p.135. 3 Le due citazioni di J. Dryden sono prese da M. Summers, op. cit., p.395. 4 J. Warton, An Essay on the genius and writings of Pope (1782); in M. Lévy, op. cit., p.57. 5 D. Varma, op. cit., pp.30-31. Anche da un punto di vista pittorico, le opere di Shakespeare ispirarono molti grandi artisti, che esposero i loro quadri a Londra nella Shakespeare Gallery (1780-90), cui successe la Milton Gallery (1790-99) dominata pressocchè interamente da quadri di Fussli. 6 M. Praz, La carne, la morte e il diavolo, p.36.
Anteprima della tesi: "The Monk". Il "Gothic romance" di Matthew G. Lewis, Pagina 7

Preview dalla tesi:

"The Monk". Il "Gothic romance" di Matthew G. Lewis

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Davide Magnisi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1998-99
  Università: Università degli Studi di Bari
  Facoltà: Lettere
  Corso: Lettere moderne
  Relatore: Vito Amoruso
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 163

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

il monaco
romanzo erotico settecentesco
romanzo gotico
romanzo nero
romanzo settecentesco
sade
the monk

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi