Il processo di transizione in Ungheria e Romania

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

15 Comitato per la pianificazione di stato guidato dal futuro ministro del Lavoro Gy rgy LÆzÆr. Le nuove misure adottate sono l aumento dei costi dei beni di consumo (tranne quelli di prima necessit ), degli affitti e dei tra sporti pubblici compensati dall incremento dei salari e dalla riduzione dei prezzi nel commercio al dettaglio su prodotti mirati per tentare di tenere alto il morale della popolazione disillusa. Nei primi anni del decennio, la gestione flessibile della struttura pianificata e la libera iniziativa delle aziende avevano consentito uno sviluppo generale dell economia ungherese molto positivo se paragonato allo stato degli altri paesi dell Europa centro- orientale. La sospensione del NME e l inizio della crisi economica mondiale, che provoca il generale aumento dei prezzi (in particolare delle fonti energetiche e delle materie prime10), hanno contribuito al crollo della produzione nazionale e ad un forte deficit della bilancia dei pagamenti dovuto all indebitamento estero, necessario a sostenere i livelli di vita della popolazione nella fase economica recessiva. Alla fine degli anni Settanta l Ungheria Ł costretta ad aprire ulteriormente il proprio mercato ad Occidente11 e a dover riprendere e migliorare i processi riformatori messi in atto nel 1968 con il NME (che potremmo identificare come prima fase introduttiva ). Nell estate del 1981 BØla Csik s-Nagy, presidente dell Ufficio Materiali e Prezzi, scrive su il Figyel : It is abundantly clear from the debates so far tha t is not a matter of how to apply the principles expressed in the economic reform of 1968 but how to develop its concept further. 12 Inizia anche all interno del Comitato Centrale del partito un dibattito su la riforma delle riforme (seconda fase del NME) ed Ł palese la necessit di accompagnare i provvedimenti di natura economica con altri di ordine sociale e politico, R. Nyers sottolinea nell autunno del 1981 la necessit di an dare oltre, di pensare nuove azioni che coinvolgano l intera societ . KÆdÆr, pur avendo rilevato l impossibilit di introdurre provvedimenti che, per quanto necessari, allontanerebbero l Ungheria dal 10 Tra il 1974 e il 1975 l Unione Sovietica aumenta, seppur gradualmente, i prezzi dell energia e delle materie prime rendendoli pari a quelli del mercato mondiale; questo adeguamento provoca per l Ungheria un incremento del prezzo dell energia del 56% con riflessi sull agricoltura, i generi alimentari e i servizi. 11 KÆdÆr: For us to exist, we must import ( ) a tremendous amount ( ) of raw materials, energy carriers, semi-finished goods, equipment etc. What we cannot buy from the Soviet Union, we buy from the socialist countries, and what we cannot get there, we must buy from the west. In Tokes, Rudolf L. , Hungary’s negotiated revolution : economic reform, social change, and political succession : 1957-1990, Cambridge, Cambridge University Press, 1996, p. 111. 12 Berend, Ivan, The Hungarian economic reforms, 1953-1988, Cambridge, Cambridge University Press, 1990, p. 245.

Anteprima della Tesi di Giordana Pallone

Anteprima della tesi: Il processo di transizione in Ungheria e Romania, Pagina 11

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Giordana Pallone Contatta »

Composta da 235 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2067 click dal 01/10/2008.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.