Gastropanel: un monitoraggio non invasivo della funzionalità della mucosa gastrica

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Università degli Studi di Roma “La Sapienza” Corso di Laurea in Tecniche di Laboratorio Biomedico 6 Il Pepsinogeno I è il precursore dell’enzima pepsina e viene prodotto dalle cellule che si trovano nella zona alta dello stomaco (corpo-fondo). Esiste una correlazione tra la diminuzione del numero di queste cellule provocata da un’atrofia gastrica ed il livello di pepsinogeno nel sangue: valori al di sotto di 25 µg/L indicano lesioni nella parte del corpo-fondo dello stomaco. Il Pepsinogeno II è invece ubiquitario, è prodotto in tutto lo stomaco e dal duodeno. Quando la gastrite atrofica del corpo-fondo peggiora, i livelli di Pepsinogeno I ed il rapporto tra Pepsinogeno I e II decrescono. Infine, bassi livelli di Gastrina (inferiori a 2.5 pmol/L) ormone prodotto nella parte bassa dello stomaco (antro) sono indice di danni in quella zona dell’organo. I risultati del Gastropanel permettono quindi un migliore inquadramento del paziente affetto da disturbi delle alte vie digestive o con familiarità per ulcera peptica o neoplasia gastrica, discriminando quei soggetti potenzialmente a rischio per lo sviluppo di neoplasie (iposecretori e con atrofia della mucosa) da quelli più predisposti allo sviluppo di ulcera gastrica duodenale, alla malattia da reflusso gastroesofageo (ipersecretori con o senza infiammazione) e che quindi necessitano di sottoporsi a gastroscopia e alla biopsia. Lo stomaco non è stato considerato come l’organo responsabile della digestione, in grado di secernere acido e pepsina fino al diciannovesimo secolo e, all’inizio del ventesimo secolo, il trattamento delle patologie gastriche, in particolare l’ulcera, si basava essenzialmente sulla dieta. Nel 1915 ad esempio, il Dott. Bertram Sippy, proponeva l’assunzione ogni ora di una dieta a base di latte, uova e purè con l’aggiunta di bicarbonato di calcio e di sodio. Le recenti ricerche si sono basate essenzialmente sulla scoperta degli antagonisti dei recettori H2, degli inibitori della pompa protonica e del riconoscimento del ruolo dell’Helicobacter pylori nello sviluppo e nella recidiva dell’ulcera peptica, si è passati dalla dieta alla chirurgia e da questa alla terapia farmacologica (Figura 2). Anche se la scoperta e l’identificazione delle caratteristiche morfologiche e

Anteprima della Tesi di Serena Quartu

Anteprima della tesi: Gastropanel: un monitoraggio non invasivo della funzionalità della mucosa gastrica, Pagina 4

Laurea liv.I

Facoltà: Medicina e Chirurgia

Autore: Serena Quartu Contatta »

Composta da 66 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1615 click dal 07/10/2008.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.