La competitività delle PMI italiane

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo Primo Le architetture reticolari di PMI: vantaggi competitivi e svantaggi nell’economia globale __________________________________________________________________________________ ____________________________________________________________________ 14 complesse che richiede la combinazione di conoscenze e risorse tecnologiche differenti e che in alcuni casi ha condotto alla nascita di settori innovativi” 19 . La rete, in quanto tale, “genera valore perchè, di fatto, rappresenta un processo d’accumulo e distribuzione tra i partner delle conoscenze possedute: quanto più ampio e veloce è il processo di diffusione della conoscenza tra le imprese della rete, tanto più elevato sarà il valore generato per il network” 20 . A differenza dell’impresa fordista ad integrazione verticale, in cui le conoscenze generate autonomamente erano applicate alla produzione mediante investimenti in ricerca e sviluppo, senza diffondere il know- how acquisito e rifiutando ogni forma di collaborazione esterna, le imprese in rete diffondono conoscenza: ne deriva che il loro vantaggio competitivo è insito nella trasmissione in rete di risorse 21 . La costituzione di reti e di accordi cooperativi possono svolgere una funzione importante nell’assicurare alle imprese l’accesso ad una molteplicità di direzioni di investimento in R&S, senza obbligare ad investire sin dall’inizio in profondità di ciascuna di esse. La prevalenza di forme reticolari costituisce soprattutto l’esigenza di beneficiare simultaneamente di ampiezza della ricerca e flessibilità degli investimenti 22 . 19 P. Boccardelli, Le architetture reticolari nello sviluppo e diffusione della conoscenza tecnologica, op. cit., p. 287. 20 A. Ricciardi, Le reti di imprese. Vantaggi competitivi e pianificazione strategica, Università degli Studi della Calabria, Milano, Franco Angeli, 2003, pp. 154-155. 21 Cfr. E. Rullani, “New/Net/Knowledge Economy: le molte facce del postfordismo”, in Economia e Politica industriale, 110, 2001, p. 20. 22 A. Lipparini (a cura di), Le competenze organizzative. Sviluppo, condivisione, trasferimento, Roma, Carocci, 1998, p. 165.

Anteprima della Tesi di Amanda Arena

Anteprima della tesi: La competitività delle PMI italiane, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Amanda Arena Contatta »

Composta da 165 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2659 click dal 29/08/2012.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.