Skip to content

La balanced scorecard come strumento di gestione del cambiamento organizzativo: il caso dell’Azienda Ospedaliera di Busto Arsizio

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
8 tentativi di precisarne la natura; i due esempi riportati sono ritenuti significativi in quanto evidenziano aspetti differenti ma complementari circa la natura dell’organizzazione. Mullins identifica una struttura formale creata dalla dirigenza per istituzionalizzare le relazioni degli individui e dei gruppi di persone presenti nell’organizzazione, allo scopo di indirizzarne gli sforzi in attività volte al raggiungimento dei suoi obiettivi.1 Nella prospettiva adottata da Menard, un’organizzazione è un accordo istituzionale finalizzato a rendere possibile un cosciente e deliberato coordinamento delle attività all’interno di confini determinati, in cui i partecipanti si impegnano in azioni collettive con lo scopo di creare e allocare capacità e risorse all’interno di una combinazione di comando e cooperazione.2 Entrambe la definizioni sembrano parafrasare gli insegnamenti di Mintzberg, riconoscendo l’organizzazione come la formalizzazione e strutturazione degli elementi fondamentali dell’attività organizzata: divisione del lavoro e coordinamento.3 Questa visione consente di introdurre due concetti fondamentali, quello di ruolo, ovvero l’unità organizzativa fondamentale, slegata dal suo occupante4, e quello richiamato nelle definizioni proposte, di direzione e controllo, necessario ad indirizzare le interazioni che avvengono in azienda verso gli scopi istituzionali.5 In quanto entità strutturata, emerge la presenza di confini; a tal riguardo risulta necessario distinguere tra quelli organizzativi/strutturali menzionati nelle definizioni e quelli geografici. Questi ultimi non vanno infatti tralasciati poiché il funzionamento di un’organizzazione spazia al loro interno6, anche se oggigiorno ciò avviene in modo sempre meno identificabile, tanto che essi risultano, in ultima analisi, mere astrazioni7. 1 “Individuals and groups interact within a formal structure. Structure is created by management to establish relationships between individuals and groups, to provide order and systems and to direct efforts to carry out goal seeking activities.” Mullins (2005), p. 32. 2 “An organization is an institutional arrangement designed to make possible the conscious and deliberate coordination of activities within identifiable boundaries, in which members associate on a regular basis through a set of implicit and explicit agreements, commit themselves to collective actions for the purpose of creating and allocating resources and capabilities by a combination of command and cooperation.” Menard (1995), p. 172. 3 “Ogni attività umana organizzata, da quella della produzione dei vasi a quella di inviare un uomo sulla luna, fa nascere due esigenze fondamentali e opposte: la divisione del lavoro in vari compiti da eseguire e il coordinamento di questi compiti per portare a termine l’attività”. Mintzberg (1985a), p. 37. 4 “As the basic unit of an organization is the role rather than the person in it, the organization in maintained in existence, sometimes over a long period of time, despite many changes of members.” Statt (1991), p. 102. 5 In modo più schematico Daft delinea l’organizzazione come un’entità sociale guidata da obiettivi, progettata quale sistema di attività deliberamene strutturate e coordinate che interagiscono con l’ambiente esterno. Daft (2004), p. 12. 6 Butler (1991), pp. 1-3. 7 “I confini […] tra le organizzazioni, stanno diventando più flessibili e labili con l’emergere del bisogno da parte delle imprese di rispondere più velocemente ai cambiamenti dell’ambiente esterno”. Daft (2004), p. 12.
Anteprima della tesi: La balanced scorecard come strumento di gestione del cambiamento organizzativo: il caso dell’Azienda Ospedaliera di Busto Arsizio, Pagina 8

Preview dalla tesi:

La balanced scorecard come strumento di gestione del cambiamento organizzativo: il caso dell’Azienda Ospedaliera di Busto Arsizio

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Alessandro Bassani
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2007-08
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze economico-aziendali
  Relatore: Stefano Baraldi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 333

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi