Skip to content

La lotta per il riconoscimento di un'identità: la ''Primavera Nera'' in Cabilia

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
8 dell’emigrazione cabila in Francia, affinché chi si offriva di partire, non do- vesse farlo in via definitiva, mentre i suoi guadagni avrebbero contribuito al sostentamento dell’intera comunità, non solo della famiglia d’origine. Di solito, i giovani con molti figli erano destinati alla Francia, che prevedeva degli aumenti salariali per le famiglie numerose. I congiunti rappresenta- vano, inoltre, il motivo che li portava a voler tornare a casa, limitando il pe- riodo di soggiorno in Europa. La manualità acquisita al villaggio permette- va, a questi emigrati, di specializzarsi come operai, cosicché i salari aumen- tavano nell’arco dei due anni, un periodo grossomodo corrispondente alla durata dell’«esilio». 4. Le politiche di scolarizzazione e lo sviluppo primor- diale di un’élite cabila. Tra le iniziative, che furono accolte più favorevolmente dalla comu- nità cabila, ci fu la creazione delle scuole primarie, anche in quei villaggi che non ne avevano mai avuta una. La “penetrazione” fu affidata a innocui missionari, che celavano il loro ruolo politico con le attività caritatevoli. A questi prelati era delegato il compito di “ri-cristianizzare” i Cabili. Si occu- pavano, innanzitutto, dell’educazione degli orfani, insegnando la lingua francese e i dogmi della fede cattolica. I ragazzi, affidati alle loro cure, rice- vevano una formazione importante, che li differenziava dal resto degli Al- gerini. Essi potevano usufruire di leggi particolari che consentivano loro di frequentare istituti importanti, quali le scuole di medicina. Questo aveva, però, dei risvolti negativi non trascurabili. Convinti di poter migliorare la loro situazione sociale, avendo accesso a una professione importante, sco- privano che sarebbero stati relegati al ruolo di paramedici nelle strutture urbane, oppure potevano esercitare solo nei villaggi, solitamente in quello da cui provenivano. I giovani cabili credevano, inoltre, di poter usufruire della possibilità di diventare cittadini francesi, anche in virtù della conver- sione al cattolicesimo, a cui dovevano sottoporsi per usufruire dei “benefi- ci”. Ma essi divennero dei cittadini di “serie B”, cui era vietato anche con- trarre matrimonio con i Francesi di nascita, perché sarebbero rimasti co- munque dei Cabili, sospettati di tramare contro i coloni18. L’obiettivo delle politiche di istruzione per i Cabili non era la crea- zione di un’élite locale, ma solo di creare una contrapposizione con quella araba, che aveva gestito la cultura fino all’arrivo francese, e che avrebbe po- tuto sviluppare sentimenti nazionalisti. A questo scopo, l’amministrazione coloniale aveva provveduto alla chiusura delle scuole tradizionali, costrin- gendo la popolazione araba all’analfabetismo. In teoria, chiunque avrebbe potuto accedere alle scuole francesi, ma la diffidenza nei confronti dell’invasore e della sua cultura, e i costi che implicava una simile scelta, erano ostacoli quasi insormontabili. Gli Imazighen poterono, quindi, appro- fittare di servizi che per loro avevano un costo minore, data la diffusione sul territorio delle scuole primarie e l’iniziale favore francese. Ben presto si accorsero, però, dei vantaggi sociali ed economici che potevano derivare dall’istruzione, cui si aggiunse un precoce senso di rivalsa: i conquistatori 18 Danièle Maoudj, «Mes deux montagnes: de Tizi Ouzou a Zonza», in Peuples Méditerranéens, n. 38-39; gennaio-giugno 1987, Directeur de publication: Paul Vieille, Parigi.
Anteprima della tesi: La lotta per il riconoscimento di un'identità: la ''Primavera Nera'' in Cabilia, Pagina 8

Indice dalla tesi:

La lotta per il riconoscimento di un'identità: la ''Primavera Nera'' in Cabilia

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Annalisa Pia
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Cagliari
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Politiche
  Relatore: Bianca Maria Carcangiu
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 181

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

aârchs
aârouch
abane ramdane
algeria
amazigh
berberi
cabilia
djemaâ
fln
front des forces socialistes
hocine aït ahmed
imazighen
kabylie
lounès matoub
maghreb
masiri
massinissa guermah
mouvement cultural berbère,
mythe kabyle
primavera berbera
primavera nera
rassemblement pour la culture et la democratie
saïd saâdi
tizi-ouzou

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi