La criminalità organizzata di matrice mafiosa in Puglia

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

13 è né una bestia invincibile, né una malattia incurabile, può allora essere sconfitta. Bisogna quindi smantellare le organizzazioni, arrestare gli uomini, sequestrare i beni frutto delle attività illecite e neutralizzare le alleanze. Ma che cos’è dunque la mafia? Come può essere meglio definita? È un’organizzazione criminale o una mentalità, una società segreta o semplicemente uno stato d’animo? Esiste veramente la mafia o esistono solo i mafiosi? Che rapporto c’è tra mafia e società, tra mafia e istituzioni? E’ una patologia della società o un fenomeno strutturale legato al contesto sociale nel quale nasce e si sviluppa? A queste e a molte altre domande hanno tentato di dare risposta numerosi sociologi e scienziati politici, non arrivando però a formulare definizioni chiare e condivise, ma ricalcando spesso idee diffuse, luoghi comuni e stereotipi dominanti. Ad esempio uno stereotipo che alcuni studiosi hanno contribuito a diffondere e ad avvalorare è quello secondo il quale esisterebbe una mafia “tradizionale” ed una “moderna”, facendo distinzione tra gli antichi uomini d’onore e i contemporanei imprenditori criminali senza scrupoli e senza onore (Santino, 2006, p. 11). Tale idea ricalca un diffuso luogo comune che vorrebbe la distinzione tra una mafia buona in un passato non ben collocato, ed una mafia contemporanea cattiva, interessata solo alla ricchezza, che avrebbe preso il posto della prima trasformandosi in semplice delinquenza e perdendo quei tratti distintivi di rispetto e onore tipici della tradizione mafiosa. In generale, si potrebbero distinguere due grandi correnti di definizioni e interpretazioni sulla mafia: una focalizza l’attenzione sull’aspetto culturale del fenomeno, l’altra invece lo presenta come un fenomeno organizzativo. La prima corrente interpretativa, che è stata definita culturalista, tende a considerare la mafia una cultura, o una subcultura, tipica dei contesti sociali in cui è nata e si è sviluppata.

Anteprima della Tesi di Valentina Iannaccone

Anteprima della tesi: La criminalità organizzata di matrice mafiosa in Puglia, Pagina 11

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Sociologia

Autore: Valentina Iannaccone Contatta »

Composta da 156 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1837 click dal 14/10/2008.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.