Design, tuning e sperimentazione di filtri bilaterali per l'audio

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

misurata su di una scala logaritmica. L’intensita` sonora viene misurata in decibels (dB) al di sopra della soglia di udibilita`, utilizzando questa formula: ILdB = 10 ∗ log10 I Iref (2.1) Questa formula puo` essere anche utilizzata per descrivere l’intensita` relativa tra due suoni. Ad esempio, uno degli elementi che spesso mascherano la corretta percezione di un suono e` il rumore dell’ambiente circostante, o nel caso in cui il suono venga ascoltato attraverso un sistema di riproduzione audio, il rumore generato dal circuito elettrico o registrato sul supporto di riproduzione. Il rapporto tra segnale e rumore viene chiamato SNR (Signal- to-Noise Ratio), e si indica con: SNRdB = 10 ∗ log10 intensitadelsegnale intensitadelrumore (2.2) 2.2 Motivazioni del digitale Il nome digitale, derivante dal latino digitus, viene usato per indicare quei sistemi che usano numeri discreti, spesso in forma binaria, per l’acquisizione, l’elaborazione, la trasmissione, la memorizzazione e la visualizzazione dei da- ti. I sistemi digitali si contrappongono a quelli analogici, che eseguono tutte queste operazioni su segnali i cui valori sono funzioni continue del tempo, come i segnali sonori e tutti i segnali misurabili in natura. La parola analogico implica un’analogia tra causa ed effetto, tra valore di in- 7

Anteprima della Tesi di Alessandro Saccoia

Anteprima della tesi: Design, tuning e sperimentazione di filtri bilaterali per l'audio, Pagina 5

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Alessandro Saccoia Contatta »

Composta da 85 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 622 click dal 10/10/2008.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.