Profili della litispendenza transnazionale in relazione al cosiddetto forum non conveniens

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

11 1.1.2 L’eccezione di forum non competens Il 1842 segna una data importante nella costruzione della dottrina del forum non conveniens e delle relazioni di questa dottrina con l’eccezione di litispendenza. In questo senso rappresenta una decisione fondamentale il caso Hawkins v. Wadderburn 3 nel quale veniva in rilievo una situazione di litispendenza tra un tribunale scozzese e uno inglese, ma l’eccezione di litispendenza non poteva essere applicata perché si trattava di un caso internazionale, ipotesi in cui l’eccezione di litispendenza non trovava appunto applicazione. Nella fattispecie in questione la Corte scozzese afferma: “But though the original and strict rule of lis alibi pendens may not so apply, nevertheless there seems not to be doubt, that in cases of lis alibi pendens, even in a foreign court, it is competent for the Court of this country to consider the effect of that circumstances, and if it be such as in reason and equity to require the dismissal or the sisting, or modification of the action raised here to give such an effect” 4 Troviamo quindi in questa pronuncia il primo riconoscimento esplicito di un potere discrezionale alla dismissione di una causa per ragioni di equità la cui giurisdizione era riconosciuta in capo al tribunale scozzese. Un altro passo verso la creazione del forum non conveniens fu compiuto dalla giurisprudenza scozzese con l’elaborazione della teoria del forum non competens 5 , un’espressione ambigua perché suggerisce l’incompetenza del tribunale adito, ma che la Corte definisce invece come questione che individua il foro più appropriato, applicabile anche in assenza di una questione di litispendenza internazionale. 3 Hawkins v. Wadderburn, 9 marzo 1842, 4 D. 924 4 “nonostante non sia applicabile la rigida regola della litispendenza, sembrano non esserci dubbi sulla competenza della Corte di questo stato di considerare gli effetti di tale circostanza e dimettere, sospendere o modificare l’azione, quando questo sia richiesto da ragioni di equità” 5 M’Morine v. Cowie 1845, 7 D. 720

Anteprima della Tesi di Nicole Olivieri

Anteprima della tesi: Profili della litispendenza transnazionale in relazione al cosiddetto forum non conveniens, Pagina 7

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Nicole Olivieri Contatta »

Composta da 104 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2067 click dal 15/10/2008.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.