Il cane per la Pubblica Amministrazione Italiana: una prospettiva storica

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

9CAPITOLO 1 - ESERCITO ITALIANO L'Esercito è stata la prima amministrazione pubblica italiana a far uso di cani per il raggiungimento dei propri obiettivi istituzionali. Ferruccio Faelli1 riferisce che nel 1893, presso il 7° Reggimento Bersaglieri ed il 71° Reggimento Fanteria, fu sperimentato l'impiego di cani. Sperimentazioni poi estese anche al 6° ed al 36° Reggimento Fanteria. Il Faelli non dice a quale impiego erano destinati i cani, ma è presumibile che le sperimentazioni seguissero quanto in corso presso l'Esercito Tedesco, dove si studiava l'utilizzo di cani per la ricerca di feriti, porta-ordini, e di supporto ai servizi di sentinella. Nel 1900, cani da pastore vennero utilizzati a guardia di alcuni forti della piazza di Verona. Nel 1902, anche il 3° reggimento di artiglieria venne dotato di un reparto cinofilo. Questo reparto, di sede a Bologna, era denominato Brigata Cani. Al comando di un Capitano, coadiuvato da un Furiere Maggiore, che svolgeva le funzioni di addestratore, contava 3 piantoni (militari di truppa) con funzioni di cinieri accudenti. I cani erano 10: 6 "danesi" e 4 "pastori". La Brigata doveva provvedere in proprio alle rimonte ed aveva il compito di sorvegliare il Laboratorio Pirotecnico e la Fabbrica di Fulminato di Mercurio: la sede stanziale era in Piazza d'Armi e dipendeva disciplinarmente ed amministrativamente dalla Direzione Lavori del Genio. Contemporaneamente a Roma, a Porta Furba, era stato costituito un altro Canile Militare ove si allevava ed addestrava il Pastore Scozzese (Collie) principalmente per la ricerca di feriti sul campo di battaglia, tentando anche di rivolgersi ad altri servizi di guerra. Un certo Tenente 1 citato in G.F. Giannelli, Cani e Soldati

Anteprima della Tesi di Rinaldo Brega

Anteprima della tesi: Il cane per la Pubblica Amministrazione Italiana: una prospettiva storica, Pagina 5

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Rinaldo Brega Contatta »

Composta da 59 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 870 click dal 15/10/2008.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.