Metodi per una stima del bilancio del carbonio delle foreste a scala operativa: il caso della Basilicata

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

1.INTRODUZIONE con dispendio minimo di risorse. La possibilità di integrarre i dati telerilevati ha consetito dunque applicazioni a scala spaziale dei modelli. I modi di integrare i dati telerilevati e i modelli ambientali, secondo Plummer (2000), possono essere ricondotti a quattro diverse strategie alternative: 1) Stima delle variabili dei modelli con dati telerilevati; 2) Test e verifica dei risultati di output dei modelli con i dati telerilevati; 3) Aggiornamento dei modelli con dati telerilevati; 4) Validazione tramite i modelli dei dati telerilevati; La prima è sicuramente quella più comune (Fig.1): i dati telerilevati forniscono le variabili guida dei modelli ( es. radiazione solare, indici di vegeta- zione, classificazioni della copertura del suolo) con una risoluzione e una frequenza d‟acquisizione mol- to elevata (Jørgensen, 1994) così da fornire un mo- nitoraggio efficiente e a costi contenuti dello stato delle foreste. I sensori posti sui satelliti misurano la radiazio- ne riflessa o emessa dalla superficie terrestre che successivamente viene “tradotta” in informazione utile per i modelli ecologici usando alcune funzioni derivate empiricamente o teoricamente (Coughlan & Dungan, 1996). Tra le variabili forestali quelle più utilizzate ai fini modellistici sono l‟indice di area fo- gliare (LAI), l‟intercettazione e l‟assorbimento della radiazione foto sinteticamente attiva (FPAR), non- Figura 1: I dati telerilevati forniscono sia dati di ché tutti gli indici di vegetazione, in particolare input che variabili guida per i modelli ecologici (da Plummer, 2000.) l‟NDVI (Landsberg & Hingston, 1996; Waring & Running, 1998). 1.6. I modelli di processo I modelli di accrescimento forestale sono stati sviluppati per simulare i processi fisiologici e restituire stime di grande interesse per la gestione delle risorse forestali (White et al., 1998). Questi appartengono a due categorie: quelli “empirici” e quelli di “processo semplificato”. I primi 10

Anteprima della Tesi di Francesco Fiorenzo

Anteprima della tesi: Metodi per una stima del bilancio del carbonio delle foreste a scala operativa: il caso della Basilicata, Pagina 6

Tesi di Dottorato

Dipartimento: Scienze dei Sistemi Colturali, Forestali e Amb.

Autore: Francesco Fiorenzo Contatta »

Composta da 109 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1113 click dal 15/10/2008.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.