Indagini mineralogiche per la caratterizzazione della discarica mineraria della miniera di solfuri di ferro e rame di Libiola (Sestri Levante, Genova)

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

17 conseguenza si sviluppa una tettonica compressiva a thrust con accavallamento del Dominio Ligure e del Dominio Toscano (Balbi, 2003). OLIGOCENE Ad ovest di Adria, in particolare nel settore dove si sono impostati i Domini Subligure e Toscano, si ha una fase di ispessimento crostale. Comincia inoltre la migrazione verso oriente del fronte compressivo appenninico (Balbi, 2003). MIOCENE L’insieme delle Unità Liguri arriva a coinvolgere il Dominio Toscano a causa della deformazione innescata dall’avanzamento del fronte verso i settori esterni del sistema appenninico. Nel Miocene superiore la traslazione delle Unità Liguri arriva a coinvolgere anche il Dominio Umbro-Marchigiano. Inizia inoltre la tettonica distensiva nel Dominio Toscano, con sviluppo di faglie parallele alla costa tirrenica. Nei domini piu’esterni continua la tettonica compressiva. Lo spostamento del fronte compressivo verso oriente determina un rilassamento delle falde impilate tettonicamente una sull’altra: si imposta così un regime estensionale che porta alla formazione di numerosi graben (Graben del Magra e Graben del Vara). Iniziano le fasi di apertura del rifting tirrenico e della tettonica distensiva della Toscana centrale. Si verifica inoltre l'esumazione delle unità metamorfiche toscane, sulle quali vengono sovrascorse le Unità Toscane e quelle Liguri con la duplicazione crostale e l'avanzamento del fronte della catena appenninica (Balbi 2003). La tettonica del Dominio Ligure Interno si differenzia da quella del Ligure Esterno per una maggiore deformazione delle strutture che si esplica anche in un leggero metamorfismo. 1.3.3 IL METAMORFISMO Le ofioliti dell’Appennino settentrionale sono state definite “non metamorfiche” in contrapposizione a quelle alpine, in quanto presentano raramente evidenze mineralogico- tessiturali di ricristallizzazione e deformazione. In realtà anche le ofioliti appenniniche presentano una complessa storia di metamorfismo di fondo oceanico e una blanda sovraimpronta di ambiente orogenico (Cortesogno et al.,1987).

Anteprima della Tesi di Eva Azzali

Anteprima della tesi: Indagini mineralogiche per la caratterizzazione della discarica mineraria della miniera di solfuri di ferro e rame di Libiola (Sestri Levante, Genova), Pagina 13

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Eva Azzali Contatta »

Composta da 282 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1495 click dal 29/10/2008.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.