Il peace-building alla luce della Carta delle Nazioni Unite

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

6 Boutros-Ghali continua su quella medesima traccia, dichiarando che il 1991 vide la definitiva fine della Guerra Fredda e dell’era del bipolarismo. Al tempo stesso constata come un nuovo spirito di speranza e di fiducia nella rilevanza di un’azione comune cominciasse a prendere forma. Uno dei segni più chiari del cambiamento, afferma, era il chiaro consenso tra gli Stati che fosse giunta l’era delle Nazioni Unite. Le Nazioni Unite, infatti, si scoprirono improvvisamente libere dalla paralisi della lotta tra i due blocchi, mentre il mondo guardava all’Organizzazione come mai prima di allora. Ad essa veniva richiesto in modo crescente di portare avanti e di realizzare la storica missione della Carta: “that of guardianship of peace and hope.” Furono queste premesse a spingere il Segretario Generale a redigere, nel 1992, l’Agenda for Peace, al cui interno trova per la prima volta menzione il termine peace-building. La maggior parte delle riflessioni sul peace-building come concetto nuovo e sulle prospettive delle operazioni di pace in generale si sono in effetti sviluppate proprio a partire dal 1992. Secondo la nuova visione storica, la missione delle Nazioni Unite deve andare al di là delle tradizionali missioni di peacekeeping e peace enforcement. Il fallimento di alcuni Stati, caratterizzato dallo sfasciarsi delle strutture democratiche e dal regresso dell'economia in molti casi al di sotto delle soglie dell’autosufficienza sono, secondo l'Agenda, stati le conseguenze della guerra tra etnie e tra tribù, divampata con forza dirompente allo sgretolarsi delle ideologie che l’avevano mascherata. In questo scenario il

Anteprima della Tesi di Enrica Piovesan

Anteprima della tesi: Il peace-building alla luce della Carta delle Nazioni Unite, Pagina 6

Laurea liv.I

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Enrica Piovesan Contatta »

Composta da 84 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1226 click dal 14/10/2008.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.