Negato imbarco, cancellazione del volo e ritardo nel trasporto aereo di persone

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5 altre tipologie di negato imbarco 5 , nonché la cancellazione del volo e il ritardo 6 , su cui la normativa del 1991 nulla disponeva. C’è però da ricordare che il Reg. Ce 261/’04 si è affiancato alle previsioni del legislatore nazionale e comunitario relative alle ipotesi di responsabilità per la violazione dell’obbligo di protezione delle persone trasportate 7 . Con le parole di accorta dottrina, si può affermare “che la responsabilità del vettore aereo per il trasporto di persone sorge da tre circostanze fondamentali riferibili al danno alla persona, all’inadempimento totale, all’inesatto adempimento, che in concreto poi diventano il danno fisico alla persona del passeggero, l’inesecuzione totale della prestazione di trasporto, il ritardo nell’esecuzione” 8 del trasferimento. 5 BUSTI, La responsabilità del vettore aereo per danni da ritardo, in La nuova disciplina del trasporto aereo – Commentario alla Convenzione di Montreal del 28/5/1999, a cura di TULLIO, Jovene, Napoli, 2006, 171, chiarisce che l’elenco dei motivi (previsto nell’art. 2, lett. j, Reg. 261) per i quali un passeggero venga escluso dal volo, “non è tassativo né esaustivo”. Infatti, l’autore sostiene che una ragione che porti al negato imbarco del passeggero, possa anche ravvisarsi nell’improvvisa necessità dell’autorità pubblica di ottenere posti su un volo. 6 DEIANA, Responsabilità del vettore aereo per negato imbarco e ritardo, in Aereoporto e Responsabilità, a cura di DEIANA, ed. AV, Cagliari, 2005, 114, sottolinea come questi casi siano “ipotesi patologiche tradizionali” e ancora “il tipico canovaccio delle microtragedie di scena quotidianamente nel teatro aeroportuale”. 7 In particolare queste fattispecie sono oggetto di disciplina attraverso due interventi comunitari, il Reg. Ce 2027/1997, come modificato dal Regolamento Ce 889/02; mentre a livello internazionale è la Convenzione di Montreal del 1999 che all’articolo 17 dispone la responsabilità del vettore per la morte o le lesioni personali procurate al passeggero, oltre che per danni al bagaglio. 8 DEIANA, Responsabilità, cit., 113.

Anteprima della Tesi di Andrea Rossetti

Anteprima della tesi: Negato imbarco, cancellazione del volo e ritardo nel trasporto aereo di persone, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Andrea Rossetti Contatta »

Composta da 157 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3288 click dal 30/10/2008.

 

Consultata integralmente 26 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.