Negato imbarco, cancellazione del volo e ritardo nel trasporto aereo di persone

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 che questo fenomeno ha per i vettori 15 . Da questa presa di coscienza all’interno delle istituzioni Cee, sono iniziate a circolare le proposte legislative che hanno in seguito portato il Consiglio Ce all’adozione del succitato Regolamento Cee n. 295 del 4 febbraio 1991. Questa normativa primaria, in quanto tale direttamente applicabile negli stati membri della Comunità, intendeva fornire un sistema di compensazione per il negato imbarco del passeggero coinvolto dall’overbooking (quindi sovraprenotato) 15 Non si può non ricordare che antecedente all’entrata in vigore del Reg. 295, le compagnie aeree hanno adottato delle misure volte ad evitare le spiacevoli conseguenze dell’overbooking, rilevando i rischi che avrebbe comportato il ricorso al contenzioso giudiziario da parte dei passeggeri che avessero subito il provvedimento interdittivo del vettore, come rileva CORONA, La tutela, cit., 337. Su un piano preventivo si colloca il cd. Ticketing Time Limit (TTL), procedura detta del “tempo utile per l’acquisto del biglietto”, in base alla quale il vettore ha la facoltà di cancellare la prenotazione del cliente, qualora quest’ultimo non proceda all’acquisto del biglietto entro un determinato intervallo di tempo dalla prenotazione, che precedentemente era stato comunicato al passeggero. MASUTTI, L’overbooking, cit., 323/4, sostiene: “Tale facoltà […], è apparsa particolarmente idonea a contenere il numero di false prenotazioni […]. Laddove detta procedura è stata praticata, si è verificata, infatti, una considerevole riduzione del numero dei passeggeri no-show”. Altro strumento sono gli schemi di compensazione per negato imbarco, inseriti nelle condizioni generali di trasporto sul finire degli anni ’70 (GIRARDI, Riflessi, cit., 174 ss. ne approfondisce degli aspetti). Attraverso gli schemi suddetti si è previsto “un indennizzo forfetario al passeggero per i casi di negato imbarco conseguente a sovraprenotazione, a prescindere dalla prova del danno effettivamente subito”, come sostiene MASUTTI, L’overbooking, cit., 324. Secondo l’autrice poi, questi schemi, con la previsione di un indennizzo automatico, hanno rappresentato una svolta fondamentale, dato che hanno “segnato il passaggio da un regime di responsabilità soggettiva, fondato sul dolo e la colpa, ad una oggettiva per rischio d’impresa”. Sostanzialmente si è anticipato la previsione del Reg. Cee 295/1991.

Anteprima della Tesi di Andrea Rossetti

Anteprima della tesi: Negato imbarco, cancellazione del volo e ritardo nel trasporto aereo di persone, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Andrea Rossetti Contatta »

Composta da 157 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3288 click dal 30/10/2008.

 

Consultata integralmente 26 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.