L'adozione per gli omosessuali tra direttiva europea e orientamento interno: esperienze a confronto

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Introduzione VIII Stati membri, della disciplina dettata per la famiglia legittima da estendersi alle convivenze “more uxorio” 10 e alle unioni omosessuali. Ora, da una parte, non può certamente definirsi "esibizionista" oppure "incolto" il Parlamento europeo per aver dato voce ad una diffusa aspirazione al riconoscimento giuridico e sociale di forme di convivenza fra omosessuali – il numero delle unioni civili omosessuali registrate sta a dimostrarlo – ; è però anche vero che il meccanismo di inclusione nel paradigma della famiglia legittima come luogo di relazioni gerarchicamente ordinate fra i sessi, può produrre un effetto “assimilazionista” e normalizzante non auspicabile in una prospettiva di valorizzazione delle differenze sessuali. 10 Il matrimonio viene visto come un istituto analogo e non alternativo alla convivenza, un istituto rispetto al quale l’atteggiamento è piuttosto d’indifferenza che di rifiuto; i conviventi non si sposano non per sfuggire alle conseguenze del matrimonio; nella loro ottica non ci sarebbero buone ragioni per sposarsi così come non ci sarebbero buoni motivi per non farlo. V.Pocar , P. Ronfani : “La famiglia e il diritto”, Laterza e figli s.p.a., Bari 2003., pagg. 140- 141

Anteprima della Tesi di Angelo Sebastiano

Anteprima della tesi: L'adozione per gli omosessuali tra direttiva europea e orientamento interno: esperienze a confronto, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Angelo Sebastiano Contatta »

Composta da 129 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4769 click dal 04/11/2008.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.