Skip to content

Tuareg: l'evoluzione storica di un popolo nomade

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
matrimonio o rappresentare l’alkhabus, un lascito patrimoniale che un fratello ancora in vita dà alla sorella. Lo schiavo è considerato fondamentale per la produzione, anche perché svolge lavori manuali considerati poco dignitosi dagli imajeghan. L’iklan appartiene alla tribù del suo proprietario ed è estraneo alla vita politica. - Gli harratini sono i coltivatori sedentari di etnia nera, provenienti dal Touat e dal Tidikelt. Le terre di proprietà dei tuareg vengono fatte coltivare dagli iklan, ma soprattutto, a mezzadria, dagli harratini e dagli iborelliten, iklan liberati. Ai mezzadri i proprietari tuareg forniscono sementi, acqua, attrezzi, trattenendosi i quattro quinti del raccolto. I tuareg che vivono nell’Hoggar, nel Tassili e dell’Air conservano il loro modo di vivere antico, ricco di tradizioni millenarie. Secondo il pensiero tuareg, “nessun essere, nessun oggetto, saprebbe esistere senza la protezione di un rifugio”21, per un nomade la tenda rappresenta quindi il cuore dello spazio abitato, in opposizione al ténéré, il deserto sterile, che non permette la vita né degli uomini, né dei loro animali, e all’essuf, lo spazio selvaggio abitato da spiriti malevoli. Le tende (ehan) possono avere una forma diversa secondo l’area di costruzione: generalmente tondeggianti, sono costruite dalle donne montando una sorta d’intelaiatura di pali e supporti verticali o ad archetti, ricoperte da un velario di 30-40 pelli di capra cucite fra di loro ed impermeabilizzate e rese resistenti al sole grazie a burro ed ocra rossa. Tra gli accampamenti non esistono frontiere nette, solo dal colore delle tende si possono distinguere i due gruppi; quelli dell’est hanno le tende giallo, bruno e bianche e quelli dell’ovest delle tende nere e rosse. La tenda è piantata in modo che si possa dormire con la testa verso l’est in direzione della mecca; è composta da una sola famiglia e ognuno dei coniugi ha una parte per sè, la parte a nord è dell’uomo, mentre quella a sud è della donna22. L’uomo sistema nel suo angolo la sella del cammello, le armi e lo zaino delle selle, mentre la donna appende ai picchetti il suo sacco, che contiene i vestiti e gli effetti personali e un sacco contenente i viveri di riserva e le stoviglie di cucina di cui lei è responsabile. Solo l’amenokal possiede un letto, mentre gli altri dormono su una o due pelli di montone cucite insieme. Davanti a ogni tenda si trova un focolare composto di solito da tre pietre che non serve per cucinare ma per riscaldare. Quando il sole tramonta si riuniscono intorno al fuoco e gli anziani raccoltano 2 1 22 Enciclopedie de l’islam, op. cit., p.407. 15
Anteprima della tesi: Tuareg: l'evoluzione storica di un popolo nomade, Pagina 10

Preview dalla tesi:

Tuareg: l'evoluzione storica di un popolo nomade

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Carla Biggio
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Cagliari
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Relazioni internazionali
  Relatore: Bianca Maria Carcangiu
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 173

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

amenokal
azalai
colonialismo
deserto
esplorazioni del sahara
indipendenza del sahara
mali
niger
nomadi
politica coloniale francese
popolo nomade
sahara
tin hinan
touareg
tuareg
twareg

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi